Archive for the ‘traduzioni’ Category

Tango: l’amore perduto

Horas felices que no volverán;
gloria de un amor lejano que, en vano, quiero olvidar.
Yo te soñé, yo te busqué por todos los caminos
y cuando te hallé, con tu amor,
calmé mi sed de errante peregrino.
Después, he sido yo, tan sólo yo,
quien destrozó cruelmente nuestras vidas.
Y hoy lloro tu amor, porque yo,
sin tu cariño, nada, ¡nada soy!

Ore felici che non torneranno;
splendore di un amore lontano che inutilmente voglio dimenticare.
Io ti sognai, io ti cercai per tutti i sentieri
e quando ti incontrai, col tuo amore,
calmai la mia sete di errante pellegrino.
Poi, son stato io, tanto solo io,
che ho distrutto crudelmente le nostre vite.
E oggi piango il tuo amore, perchè io,
senza il tuo amore, nulla, non sono niente!

Yo – Juan José Guichandut
QUI la mia versione preferita: Domingo Federico con Carlos Vidal

Hace mucho que no... da Skarhearth.

Foto by Skarhearth

Annunci

Tango: un pensiero fisso.

Más fuerte que mi orgullo son tus ojos.
Más fuerte que tu engaño es mi pasión….
Inútil, cada vez te quiero más…
Te llamo, y jamás te he de olvidar…
Como sangre de mi sangre yo te siento
que aquí estás y tu ausencia me lastima
como hoja de un puñal…
Tus ojos, en mis ojos siempre están.
Yo siento, que te quiero… ¡y nada más!

Più forti del mio orgoglio sono i tuoi occhi.
Più forte del tuo inganno è la mia passione….
E’ inutile, ogni volta ti voglio di più…
Ti invoco, e mai ti potrò dimenticare…
Come sangue del mio sangue io ti sento
che sei qui, e la tua mancanza mi ferisce
come la lama di un pugnale…
I tuoi occhi son sempre nei miei.
Io so che ti amo… e nulla di più!

Sangre de mi sangre – Reinaldo Yiso y Juan Manuel Mañueco
QUI la versione di Biagi
QUI il testo integrale e la versione di Chola Luna

 

Foto by Hummyhummy

Tango: l’amore lascia il segno…

Sé que mucho me has querido tanto, tanto como yo;
pero, en cambio, yo he sufrido mucho, mucho más que vos.
No sé porque te perdí, tampoco sé cuándo fue,
pero a tu lado dejé toda mi vida;
y hoy que estás lejos de mí y has conseguido olvidar,
soy un pasaje de tu vida, nada más.

So che mi hai amato tanto, tanto come me:
però, in cambio, io ho sofferto molto, molto più di te.
Non so perchè ti ho persa, e nemmeno quando è stato,
però al tuo fianco ho lasciato tutta la mia vita;
e oggi che sei lontana da me e hai già dimenticato,
sono un passaggio della tua vita, niente di più.

Toda mi vida – Aníbal Troilo y José María Contursi – 1941
QUI  Contursi presenta di persona la versione dello stesso Pichuco
QUI la traduzione completa di questo bellissimo tango

 

Che l’amore è tutto, è tutto ciò che sappiamo dell’amore (Emily Dickinson)
Foto by Silvia de Luque

Tango: con un po’ di fortuna…

Tres cosas hay en la vida:
salud, dinero y amor.
El que tenga esas tres cosas
que le de gracias a Dios.
Pues, con ellas uno vive
libre de preocupación,
por eso quiero que aprendan
el refrán de esta canción….

Nella vita ci son tre cose:
salute, denaro e amore.
Chi ha queste tre cose
deve ringraziare Dio.
Infatti con queste uno vive
libero dalle preoccupazioni,
per questo voglio che impariate
il ritornello di questa canzone….

Salud, dinero y amor -Rodolfo Sciammarella y Mariano Mores – Vals
QUI la versione di Francisco Canaro con Francisco Amor

Buona fortuna! – Foto by Giacomo

Per la verità anche questo vals (come Angelica di cui abbiamo parlato qualche giorno fa) era nato come Zamba e fu di Mores nel 1936, l’idea di trasformarlo in vals.
Poi visto il successo negli anni sessanta fu suonato con diversi ritmi: cumbia, salsa, ecc… (QUI). Nel video una versione dei Los Stop (1967) … un po’ così, alla Caterina Caselli …uno spasso! 😆
La storia si ripete!!! 🙂

Mi piacerebbe sentire la versione a Zamba. Chi provvede? 😉
Un caro saluto
Chiara

Tango: l’amore fa anche soffrire

Ven ,triste me decías,
que en esta soledad no puede más el alma mía…
Ven y apiádate de mi dolor,
que estoy cansada de llorarte, sufrir y esperarte
y hablar siempre a solas con mi corazón.
Ven, pues te quiero tanto,
que si no vienes hoy voy a quedar ahogada en llanto…
No, no puede ser que viva así,
con este amor clavado en mí como una maldición.

Vieni, mi dicevi triste,
che in questa solitudine non può più resistere la mia anima…
Vieni e abbi pietà del mio dolore,
che sono stanca di piangerti, soffrire e aspettarti
e parlare sempre sola con il mio cuore.
Vieni perchè ti amo tanto,
che se non vieni oggi finisco affogata nel pianto…
No, non può essere che continui a vivere così
con questo amore conficcato in me come una maledizione.

En esta tarde gris – Mariano Mores y José María Contursi -1941
QUI cantata da Sosa con l’orchestra di Leopoldo Federico.
QUI la storia d’amore che ha ispirato questo tango.

Foto by Daniele Mineri

L’amore farà anche soffrire…ma quanta felicità ti dona quando poi torna il sereno! 😉
Resisti che il tuo principe sta arrivando!!! 😀
Con affetto
Chiara

Tango: la luna mi parla di lei.

… Y en los abismos de esta noche de luna,
sólo quiero vivir, de rodilla a tus pies,
para amarte y morir.
Acércate a mi y oirás mi corazón contento
latir como un brujo reloj.
Mi voz te dirá palabras de miel
que harán de tu pecho fuego encender.
El canto del mar repite en su rumor
qué noche de luna, qué noche de amor….

…E negli abissi di questa notte di luna,
voglio solo restare inginocchiato ai tuoi piedi,
per amarti e morire.
Avvicinati a me e sentirai il mio cuore felice
battere come un orologio incantato.
La mia voce ti sussurrerà parole di miele
che faranno accendere il fuoco nel tuo seno.
Il canto del mare ripete nel suo rumore
che notte di luna!…che notte d’amore!…

Esta noche de luna – José García y Graciano Gómez y Héctor Marcó – 1944
QUI Alfredo Garcia e Alfredo Rojas

La luna ha disegnato il suo profilo per me- Foto by Max

Tango: il vero amore

Quiéreme como soy… Quiéreme como soy
Con mi culpa o mi rencor.
No pretendas de mí, para quererme
Que deje de ser yo…
Quiéreme como soy, para bien… para mal
Y a tu manera, pero tal como soy.

Amami come sono…amami per quello che sono,
con la mia colpa e il mio risentimento.
per amarmi non pretendere da me
che smetta di essere quello che sono…
Prendimi come sono, nel bene e nel male,
a modo tuo, però così come sono.

Quiereme como soy – Carlos Bahr y Elías Randal (Rubistein)
QUI cantata da Carlos Vidal con Domingo Federico
Un’altra poesia d’amore e musica.

Gocce d’amore – Foto by Chy81