Archive for the ‘cultura argentina’ Category

Festeggiamo la 250esima puntata di tangoposcast.net di Ernesto Valles

Se ami il tango e la sua musica, i suoi musicisti autori cantanti,
se cerchi una canzone,  se sei un musicalizador o  un tanguero, ascolta e scarica la tua musica preferita.

Tangopodcast.net  

Il Tango: la storia ed i suoi personaggi

CASA CAMBALACHE  In Palazzina Liberty
Mercoledì 14 Novembre 2012 dalle ore 21.00-22.30
Presenta  SEMINARIO/CORSO

“IL TANGO: LA STORIA  e i  suoi PERSONAGGI” con il Maestro HERNAN FASSA

“Per addentrarsi in una cultura la cosa migliore e ascoltare i racconti dei vecchi, i saggi… io ho avuto la immensa fortuna di avere un padre che suonó per Gardel e insegnó a Di Sarli…
di questo, e di alcune altre cose del tango, vorrei raccontarvi…”

Lezione 1)
–       Tango o Tangò?
–       Il tango nel secolo XIX
–       Influenza africana o “los negros del Río de la Plata”
–       Prime partiture di tango

Lezione 2)
–       Fisarmonica: chitarra e flauto
–       I primi gruppi di musical strumentale
–       Guardia Vieja

Lezione 3)
–       Musicisti della Guardia Vieja
–       Arolas, il primo Maradona del Bandoneón
–       Bardi; Greco; Villoldo; Firpo; Castriota; Delfino; Gobbi

Lezione 4)
–       Il tango in Uruguay
–       Milonga di Montevideo
–       “Los negros y el candombe”
–       Musicisti famosi

Lezione 5)
–       Le icone e i personaggi del Tango
–       Gardel
–       Cantori della  prima parte del Secolo XX
–       Il Tango e il Cinema
–       Canaro a Parigi

Lezione 6)
–       Julio de Caro: La Guardia Nueva
–       Il tango,  musica complessa
–       La figura dell’arrangiatore

Lezione 7)
–       Anibal Troilo: il Beethoven del Tango
–       Pugliese:  da De Caro a Wagner…
–       Darienzo; Tanturi; D’Agostino
–       Gli italiani del Tango

Lezione 8)
–       Carlos Di Sarli e Osmar Maderna; se Chopin e Lizt fossero “porteños”
–       I grandi musicisti de la Nuova Guardia
–       I grandi cantori
–       Modernisti: una nuova evoluzione

Lezione 9)
–       I poeti del tango
–       “letras” , i testi del tango
–       Fisolofia tanguera
–       Il lunfardo

Lezione 10)
–       Horacio Salgan: “ ed allora abbiamo dovuto studiare…”
–       Eduardo Rovira: “ el talento fantasma…”
–       Astor Piazzolla: “ e da allora nulla fu lo stesso…”
–       Ottetto  Buenos Aires

Lezione 11)
–       Piazzolla. Primo  “Quinteto Nuevo Tango”
–       Il tango: quella musica sinfonica
–       Ottetto elettronico: tango e rock

Lezione 12)
–       Gli anni 70’
–       Tango e Dittatura: silenzio…
–       Spolverando lo smoking

Lezione 13)
–       La risurrezione: Il Tango Show
–       Tutti in Giappone!
–       E dopo Astor,….cosa?

Lezione 14)
–       Il Tango e la musica Accademica
–       Albeniz; Stravinsky; Satie; John Cage e Weill
–       Juan José Castro; Gilardo Gilardi; Lamarque Pons

Lezione 15)
–       Il Tango oggi
–       Una nuova mutazione
–       Uguale ma diverso
–       Buenos Aires: il tango che si respira

Cinque appuntamenti al mese singola lezione 15 eu; abbonamento di 5 lezioni 55 eu
sconto a 53 eu l’abbonamento per I soci FAITANGO
*IL CORSO INIZIERA’ QUANDO RAGGIUNGIAMO un gruppo di ALMENO 10 PERSONE.
Si prega prenotare al cel 333-4711727 o “ titafirpo@yahoo.com

Questo incontro è rivolto non solo ai ballerini ed agli amanti del tango, nonchè a musicisti ma anche ai maestri di tango e pubblico in generale.

Hernan  Luciano Fassa. Pianista e compositore
Hernan Fassa è nato a Buenos Aires  e ha intrapreso  gli studi musicali all’età di otto anni presso il Conservatorio Musicale “Carlos Lopez Buchardo”.
Collabora attivamente con il maestro Daniel Pacitti.
E’ attualmente impegnato alla realizzazione di un progetto con un programma di “Musica Latinoamericana per pianoforte”.
Appena tornato dall’Argentina dove ha presentato insieme al grande Maestro Giovanni Angeleri (Premio Paganini’97) il “Concierto criollo” di Daniel Pacitti, con grande successo di pubblico e critica.
Cel 333-4711727; 335-5243176 Info titafirpo@yahoo.com  CASA CAMBALACHE  Palazzina Liberty  Largo Marinai D’Italia, 1   0135 Milano

Dal nostro inviato a BsAs

Un bellissimo articolo del nostro inviato da BsAs. Non ha bisogno di commenti…dice già tutto così com’è! Buona lettura  🙂
Chiara

Homenaje a Eladia Blázquez

-un espacio propio

 

Por Carlos  Szwarcer

 

 

    Pasaron tres años desde aquel 31 de agosto de 2005 cuando su “corazón mirando al sur” se elevó a otra dimensión. Dueña de una manera distinta de sentir y expresar el tango, Eladia Blázquez, hija de  inmigrantes españoles (su padre era de Salamanca y su madre de Granada), había nacido en la ciudad de Avellaneda. Se abrazó a la música de tan pequeña que con razón solía decir “nací artista”.  Su carrera, iniciada a los 8 años, transitó diferentes estilos: los comienzos, en la canción española (por influencia familiar), luego, la música melódica y el folcklore hasta que incursionó en el tango y la balada, vinculándose intensamente con Buenos Aires desde el territorio de la nostalgia, evocando los tiempos cotidianos y primordiales.

 

Vitrina en la Sala

 

   Autora de más de 300 temas, no fue una revolucionaria de la música pero sí representó una brisa renovadora en la canción ciudadana. Sus creaciones tienen un modo diferente de mirar y de describir a la gran urbe. Las letras y melodías discurren por senderos que no conformaron del todo a los viejos tangueros que la miraban de soslayo, aunque no le dieron totalmente la espalda. Ciertamente, fue más apreciada por las nuevas generaciones por su moderno abordaje de la melancolía tanguera, los aromas del barrio, los perfumes del recuerdo, las  contradicciones de la mole de cemento, la ética en el proceder, así como los eternos amores o los grises desencantos. Su sello perdurará. Su obra queda viva en sus grabaciones y en la influencia que ha dejado. Son muchísimos intérpretes los que eligen sus canciones para cantarle a Buenos Aires y su gente.  

 

   Recientemente, en el tercer aniversario de su fallecimiento, el Gran Café Tortoni, le realizó un merecido homenaje al asignarle el nombre “Eladia Blázquez” a una de sus salas. La iniciativa fue de su dueño,  Roberto Fanego,  que comentó al respecto: “he tenido en cuenta las grandes condiciones artísticas y la calidez humana y que,  como habitué del café, junto a Héctor Negro compusieron ese tango tan hermoso llamado  ‘Viejo Tortoni’”. El espacio elegido fue el del sector con puerta de salida a la calle Rivadavia. Había sido salón de  billares  y antiguamente se lo llamaba  “mixto”, porque a principio de siglo pasado “allí se permitía la presencia de ambos sexos en un época en la que no eran bien vista las mujeres solas”. Unos veinte años atrás se le colocaron  mesas de pool cuando este juego estaba de moda.   

 

 

Carlos Szwarcer y el poeta Hector Negro

 

   Los oradores del acto fueron los poetas Mosquera Montaña y Héctor Negro. El primero señaló la importancia de este sitio, hito histórico por el que pasaron grandes personajes del país y el exterior. A su turno, Héctor Negro, realizó una semblanza de la artista y reveló detalles de los orígenes de la canción “Viejo Tortoni”: “Como enamorado de este lugar le quise rendir homenaje e intenté unos versos, y dije: estos van a ser para Eladia Bláquez. Se los alcancé y le encantaron. Pero me pidió que se los lleve a un compositor que fuera más tanguero que ella”. Héctor Negro recordó que tuvo que insistirle, quería para su letra una autora de tango que “le cantara al tiempo nuestro con el lenguaje de hoy y con la  música de hoy”. Y la logró convencer.  

 

   A los 15 días Eladia tuvo la primera parte de la melodía pero “se quedó atascada”.  El poeta la  serenó y alentó: “yo no tengo apuro”. Finalmente, adecuaron la música y letra, la redondearon y cuando la artista tocó la canción con su piano ambos quedaron satisfechos.

 

    “Viejo Tortoni” fue estrenado en la “Bodega” del Café por Osvaldo Arana en diciembre de 1979 y se difundió rápidamente. Susana Rinaldi pidió cantarlo, luego se realizó una bella grabación de Rubén Juárez con la orquesta de Raúl Garello y la propia Eladia lo incluyó en un compacto de sus canciones. Fueron las primeras versiones, después vinieron muchísimas más. Héctor Negro explicó que el éxito del tema probablemente se deba a que “tiene algo de atractivo,  no sólo por lo que fue el Tortoni sino que fue el traerlo al presente, y hacia el  futuro, cuando las generaciones vayan cambiando, cuando hayan otros poetas, otros músicos, otros cantores y vuelvan  a reverdecer las viejas glorias de este café”.

Sala del Tortoni. Público durante el homenaje

  

   En tanto recordaba a su amiga, el poeta  confesó emocionado: “la  última vez que nos vimos me dijo: ´Negro, tenemos que hacer otro tango´. Lamentablemente la muerte se interpuso entre nosotros y no permitió que así fuera. Yo ya tenía pensado algo para ella y lo sigo pensando. En algún  momento nos encontraremos en algún rinconcito del cielo y vamos  a hacer ese tango que le debemos a nuestro pueblo”.

 

   La proyección de un video de Eladia Blázquez en el que se la ve caminando por la calles de Buenos Aires, dirigiéndose al Tortoni -en el que ahora tiene su espacio con nombre propio-,  hablando de su vida, cantando sus populares canciones, trajeron al viejo café el recuerdo de una de las grandes creadoras del siglo XX. 

 

 

Buenos Aires, septiembre de 2008.

Carlos Szwarcer © 2008

 

Diamo un nome alla Milonga

Dico sempre: “finchè c’è milonga c’è speranza….che si danza !”, quindi come non salutare “cum summo gaudio et eccitatio” la nascita di una nuova milonga ? Però, una volta che si decide di fondare un nuovo luogo di incontri per simpatiche parejas de bailarines, come chiamarlo ?

Scateniamo la fantasia !!!

Sondaggio di Opinione: Il Maestro Ideale

Tre aggettivi o concetti per descrivere il MAESTRO o la MAESTRA ideali di Tango Argentino. A voi la parola !

FAIquiz: Ronda de Ases

Oggi facciamo Faiquiz con una Ronda de Ases un po’ insolita, con tre valsecitos di tre Orchestre diverse. Sono tre Vals famosissimi interpretati da numerose orchestre del passato e del presente: voi dovete indovinare a quali di queste appartengono. Due sono cantati a due voci mentre il rimanente è strumentale. Solo uno è una è una Orchestra d’annata, gli altri due sono di Orchestre recenti. Il secondo ha fatto parte della colonna sonora di un famoso film sul tango ed è facilissimo.
Ai cultori del tango, quelli veramente bravi intendo, spetta riconoscere di chi sono le voci dei due valcecitos cantati.

Lo scopo di questo gioco è quello di iniziare ad affinare l’orecchio musicale riuscendo ad identificare i tanghi ascoltandoli. Penso che non ci sia modo migliore per riuscire a riconoscere le varie orchestre con il passare del tempo. Vi confesso che un po’ sono geloso delle mie tande perchè richiedono ore e ore di prove e di ascolto, tuttavia il tango è il tango e non si può essere gelosi…..e poi, magari non vi piace neanche la tanda che ho preparato….. 😀
Siccome esnips non me li fa’ caricare vi faccio un piccolo regalo dandovi lapossibilità di scaricare l’intera tanda (Brano A, B e C), qui di seguito:

Ronda de Ases Qui

Naturalmente accetto volentieri le vostre critiche ed eventuali consigli: siamo qui per confrontarci e per migliorare ! 😀

Ronda de Ases

Radio El Mundo fu la radio che incluse nella sua programmazione la leggendaria Ronda de Ases, udizione grazie alla quale le orchestre tipiche ed i loro cantanti raggiunsero l’apogeo nell’ambito dell’etere.
Si trasmetteva dalla sala del Teatro Casino e ivi sfilarono nomi quali Tanturi-Castillo, D’Agostino-Vargas, Di Sarli-Rufino, D’Arienzo-Mauré, Fresedo-Serpa e Troilo-Fiorentino, tutte coppie in gamba che adunavano i tangheri trasformati in veri e propri supporters fanatici dell’orchestra di proprio godimento e con la quale si identificavano pienamente. Il nome del programma era stato formulato dall’indimenticabile Jaime Font Saravia, aiutato da Juan José Piñeiro, con libretti disegnati da Barreiros Bazán. Con minor forza d’attrazione, ma con grande qualità interpretativa, intervennero al programma anche le orchestre di Alberto Soifer ed Edgardo Donato

Nella prima tappa della “Ronda de Ases”, Troilo presentó il primo arrangiamento che per lui fece Astor Piazzolla, la milonga “Azabache”, di Enrique Francini ed Homero Expósito. In questo certamen “Pichuco” si impose al primo posto.

“Ronda de Ases” continuó irradiandosi per molto tempo, adottando altri nomi alternativi, come “Esquinas de mi ciudad” e “Casino”, mantenendo sempre l’alta qualità dei suoi protagonisti.

In questo periodo, Buenos Aires traspirava tango da tutti i pori e altre formazioni quali –Miguel Caló, Domingo Federico, Alfredo De Angelis, Osvaldo Pugliese– riempivano con la loro musica le onde di una radiofonia che aveva guadagnato un posto di privilegio nei casolari argentini.

Testimonianza di Alberto Podestà

La Ronda de Ases si teneva nel teatro Casino, in via Maipù di fronte al Marabù dove c’è una piazza di sosta e dove successivamente fu fatta la sala tridimensionale. In questo teatro, si teneva la Ronda de Ases, che trasmetteva Radio el Mundo e che patrocinava l’olio “Cocinero”. Erano quattro orchestre. SI esibiva per esempio una notte Fresedo, Troilo, Di Sarli e Tanturi. E durava un’ora. In mezzo a questi primi pezzi che stiamo commentando ora, suonava l’Orchestra di Alberto Soifer, con Roberto Quiroga. La prima mezz’ora suonava quattro tanghi ogni orchestra. Uno Fresedo, uno Di Sarli, un altro Troilo un altro Tanturi. Poi suonava Alberto Soifer che faceva un tango al tempo del vals o un vals al tempo del tango. Poi veniva il momento dei tanghi cantati. Ogni orchestra presentava il suo cantante. Io cantai “Al compàs del Corazon e vinsi. Dall’applauso del pubblico alla domanda: “che tango e orchestra vi è piaciuta di più ?”, questa vinceva.
Questo programma si teneva due volte alla settimana, con differenti orchestre. Elevò molto il livello del tango a quei tempi.

Ancora oggi, tra i musicalizadòr, è invalso l’uso di denominare “Ronda de Ases” la successione di 3 o 4 tanghi di orchestre diverse, nell’ambito di una stessa tanda, che rappresentano “la Ronda degli Assi, dei migliori”….

 

 

come dire “I Fantastici 4 !!!” 😀

Storia di un connubio: Piazzolla e Troilo

Si presenta a Piazzolla la grande opportunità……
Testo: Jorge Gutman
Traduzione: Fabio Antonucci

“Si presenta a Piazzolla la grande opportunità che andava cercando ansiosamente, cioè far parte della orchestra de Pichuco”.

LA RELAZIONE TRA ASTOR PIAZZOLLA E ANIBAL TROILO

Così come nella sua fanciullezza ebbe la fortuna di mantenere una sporadica amicizia con Carlos Gardel, quando questi visitò la città di New York, ad Astor Piazzolla si presentò la opportunità di conoscere, appena cinque anni più tardi, un altro dei grandi personaggi dalla storia della musica porteña, Anìbal Troilo, però questa volta la relazione fu più duratura e consistente.
Dobbiamo tornare all’anno 1939, quando un ragazzetto di appena 18 anni di età, accorreva quasi tutte le notti al caffè Germinal, della vecchia ed stretta calle Corrientes, ad ascoltare la orchestra diretta dal bandoneonista Anìbal Troilo.
In detta formazione suonava il violinista Hugo Baralis, che era amico del giovane Astor, e lo invitava a prendere un caffè e già che c’era, ad ascoltare l’orchestra. E, grazie a Baralis, che lo avvisa che uno dei bandoneonisti, Toto Rodriguez, era malato, si presenta a Piazzolla la grande opportunità che andava cercando ansiosamente, cioè far parte della orchestra del “Pichuco”.
Furono cinque gli anni in cui durò la presenza del giovane di Mar del Plata, nelle fila dei bandoneonisti di Anìbal Troilo, epoca che coincide con i l culmine della trionfale carriera della famosa orchestra; è in questo periodo che si produssero le prime registrazioni che ebbero successo nella storia della musica “tanguera”, e contemporaneamente, con l’inserimento del cantante Francisco Fiorentino, ottennero l’incarico di animare i grandi balli nei club più importanti nella Capitale federale e dintorni.
Egli però, non fu solamente un bandoneonista; a volte doveva sostituire Argentino Galvàn, che era l’arrangiatore della orchestra.
Il primo arrangiamento che scrisse fu la milonga Azabache, che permise a Troilo di vincere il concorso del programma Ronda de Ases indetto da Radio el Mundo, e il secondo fu il tango Inspiracciòn, che è una delle interpretazioni più riuscite dell’orchestra.
Raccontava Piazzolla che Inspiracciòn lo eseguirono nel ballo di carnevale del club Boca Juniors e che il pubblico, quando ascoltò le prime note del tango, smise di ballare e si avvicinò al palco per ascoltare ed applaudire i musicisti.

 ” Però, nonostante sia stato un successo trionfale, a Troilo non piacevano i miei arrangiamenti” , diceva Astor, ” perché possedevano una orchestrazione eccessiva ,e non servivano per ballare”. Pichuco rimproverava Piazzolla dicendogli: ” Gato, devi fare la musica per i ballerini, che pagano per entrare, altrimenti andiamo a morire “.

Però, nonostante questi piccoli attriti che si producevano a causa degli arrangiamenti di Astor e perché a volte gli sfuggivano gli accordi dalle mani durante le prove, la relazione tra il “Gordo” e Astor fu sempre molto buona. Il problema che ebbe Piazzolla, che lo portò a ritirarsi dalla orchestra, non fu il Pichuco, bensì alcuni componenti del gruppo che non erano d’accordo con le influenze classiche e moderne che passavano per la mente di Piazzolla, e la sua maniera di volerle interpretare. dall’altro lato, come diceva Astor, la orchestra già ” mi stava andando stretta.
Mentre suonava, Piazzolla si ritagliava del tempo per studiare con il maestro Alberto Ginastera, per perfezionarsi nella composizione musicale. Inoltre approfittò di questo periodo di vacche grasse, giacché guadagnava 800 pesos al mese, per sposarsi con la pittrice Dedè Wolf, matrimonio dal quale ebbero due figli, Diana e Daniel.
Quando, dopo cinque anni di collaborazione, Astor disse al “Gordo” che andava via per accompagnare Fiorentino, non la presero bene né Pichuco né soprattutto la madre di questi, la quale chiamò Dedè, la moglie di Astor, per contestare la decisione presa dal marito.
Però tempo dopo, quando nel 1946 Piazzolla presenta la sua propria orchestra, è lo stesso Troilo che gli fa visita il giorno del debutto e si complimenta con lui, augurandogli ogni bene in questa nuova tappa della sua vita.
Nonostante che al Gordo non piacesse molto la musica di Piazzolla, tanto che in varie occasioni dichiarò che era una cosa che non intendeva, seppe comunque valorizzare l’opera del suo amico, a tal punto che registrò nel decennio a cavallo degli anni 50 i tangos Para lucirse, Prepàrense, Contratiempo, triunfal, Lo que vendrà ed il tango che composero insieme: “Contrabajeando”. Negli anni 60, più precisamente nel 1966, incise “Verano Porteño” e il magistrale “Adiòs Nonino”.
Piazzolla allo stesso modo dimostrò a Troilo il suo profondo rispetto e affetto, scrivendo un tango con versi di Horacio Ferrer: “El Gordo Triste”, opera scritta in omaggio del suo amico ancora in vita, e dopo la morte di Pichuco, scrisse in suo onore la “Suite Troileana”, nella quale incluse quelli che secondo Astor rappresentano i quattro amori che Troilo ebbe nella sua vita: il bandoneon, Zita, Whisky e “escolazo”.
Che peccato non conoscere Astor in quel periodo, perché se avessi potuto gli avrei consigliato di aggiungere due capitoli nella sua Suite Troileana, che furono, secondo una mia semplice opinione, sua madre e l’amatissimo River Plate.
Dopo la morte di Troilo, Piazzolla ricevette da Zita Troilo uno dei bandoneon del Gordo, regalo che Astor accudì come una reliquia fino al termine dei suoi giorni.

Jorge Gutman -Traduzione di Fabio Antonucci (QUI)
 


“Zita” Escolaso Guitarra Tango Trio

Ma quanto è f…. bella Geraldine ?

Colgo l’occasione di questo video che adoro per celebrare la bellezza e la grazia di questa ballerina (in realtà del Varòn, che pure è mitico, non me ne frega niente 😉 ) e per invitare Flavia a rivedere con me la traduzione di questo tango, Una Emocion, che è uno dei miei preferiti. Lo trovi Qui.

 

 

Cortina Culturàl

 

 Quando fa caldo… fa caldo !!! 😉

Gato Barbieri – The last tango in Paris

Apprezzo tanto il sassofonista e clarinettista argentino Gato Barbieri, nato il 28 novembre 1934 a Rosario.

Dice che iniziò  a suonare il clarinetto all’età di 12 anni, quando sentì Charlie Parker suonare “Now’s The Time”, e continuò a studiarlo a Buenos Aires. Iniziò poi a collaborare professionalmente con l’orchestra di Lalo Schifrin e racconta di quel periodo: “Juan Peron era al potere e non ci era permesso di suonare jazz. Dovevamo anche suonare musiche tradizionali, così inserivamo nel repertorio  del tango e altre cose come carnevalito”. Ecco una sua intervista.

Barbieri ha avuto diverse fasi nella sua vita di artista, come racconta un suo fan: una prima fase avangardista  (a metà degli anni ’60); una seconda fase di ricerca di cultura, spiritualità, politica (tardi anni 60, primi ’70): una terza fase di successo come artista pop jazz (tardi ’70- inizio ’80); una quarta fase volta a ricostruire la sua identità come artista (anni ’80) ed infine dal 97 un ritorno al pop jazz.

In Italia è molto conosciuto per la sua collaborazione con Bertolucci, e la composizione della colonna sonora del film ultimo tango a Parigi.

A me piace ricordare più del film originale la parodia girata nel 1973 da  Franco Franchi, diretta da Nando Cicero e dal titolo Ultimo tango a Zagarol. Qui trovate la scena in cui il burro serve a Franco …. per condire il panino! 

Sondaggio d’Opinione: Il “Vero” Tango ?

Ultimamente un post mi ha fatto riflettere su questa vicenda di cui, sicuramente in salse diverse, si sarà già discusso altrove. Esiste un modello supremo di tango argentino o “tutto è tango” come qualcuno sostiene ?
Per me il vero tango esiste ed è quello interpretato dai musicisti della guardia vieja e guardia nueva(fatte salve le recenti orquestas tipicas). Finito questo periodo che ha avuto il suo culmine nella decade d’oro, un tale, di nome Astor Piazzolla ha sublimato il tango e lo ha portato sui palchi, sui set cinematografici e nei teatri. Ciò non vuol dire che non lo si possa ballare, ma non in milonga, bensì secondo ben studiate coreografie. Lo so la mia visione è molto “ortodossa” e forse poco aperta ai nuovi gusti contemporanei, ma parte dall’idea che questi compositori pensassero prima di tutto a far ballare il tango alla gente comune e nelle milonghe. Posso sbagliarmi e per questo voglio sentire le vostre opinioni in merito, certo che commentatori più autorevoli di me possano chiarire questo quesito. Avete facoltà di massacrarmi. 😀
Ancora: chi potrebbe dire che Gardel non cantasse dei tanghi… ma il vero tango ballato non era certo quello che lui cantava (infatti nessuno si azzarderebbe a mettere Gardèl in una milonga).
Vi dirò di più anche Bajofondo, Tanghetto, il Tango Turco (non me ne voglia DJ Morokal) per me non sono il “Vero Tango” anche se poi li mettiamo in milonga e li balliamo con i passi del tango.

L’Immagine non è l’oggetto

Socrate

Un tango una storia: “Al compás del corazón”.

E’ un gotan bellissimo! Penso immancabile in ogni milonga. Anche Nick ce ne ha regalata tempo fa una traduzione (QUI con l’ascolto di Calò e Beron, l’accoppiata vincente).
Io aggiungo l’ascolto della versione di Racciatti: particolare ma interessante (QUI), tanto per cambiare!

L’orchestra di M. Calò

Ma veniamo alla storia del suo debutto.
L’autore, Domingo Federico, suonava il bandoneon nell’orchestra di Miguel Calò. Siamo nel 1942 e Federico era entrato da poco a far parte della prestigiosa orchestra. La storia di questo tango ce la racconta Sara Ribot in una intervista del 1990, pubblicata sulla rivista “Tango y Lunfardo“.
Federico un giorno portò con se gli spartiti di questo tango e chiese ai compagni dell’orchestra di provare a suonarlo. Ai musicisti piacque molto e lo volevano suonare; però i cantanti Raul Beron e Alberto Podestá dubitavano, perchè non conoscevano bene le parole di H. Exposito. Così non se ne fece nulla. Un giorno però i musicisti si misero d’accordo per suonarlo senza il permesso di Calò: a loro piaceva molto! E come cantante si offrì Enrique Mario Francini, uno degli entusiasti del brano.
Approfittando del fatto che Calò quasi sempre arrivava un pò tardi nella confiteria dove suonavano, la proposero un pò di nascosto, prima di iniziare la vera e propria serata.
E così il tango debuttò, con grande successo di pubblico. E il pubblico (incuriosito da chi l’aveva sentito e raccontava) a metà serata chiese allo stesso Calò di poter risentire il nuovo pezzo. Calò, che non sapeva nulla, chiese spiegazioni. Che pezzo era questo che chiedevano? Così glielo fecero sentire e piacque anche a lui, che da quella sera lo integrò nel suo repertorio.

Non legato a questo tango, ma comunque molto pittoresca, alcune parole di Federico che descrivono i costumi dell’epoca! Ci dice:<<“In quegli anni c’erano tre tipi di pubblico. Una parte che veniva solo per ascoltare e un altra composta dai ballerini: le proporzioni di questi cambiavano a seconda dell’orchestra. Poi c’era un settore universale: le mamme! Le mamme erano un cordone che racchiudeva la sala da ballo: più visibile nei piccoli club di quartiere e meno nei grandi saloni, però sempre presenti. La cosa comica però era che se all’uscita da un ballo sfioravi un capello alla figlia, ti uccidevano, mentre ballando potevi abbracciarla finanche “sposartela”!>>

Forti ste mamme. Bello sarebbe intervistare una di loro, non sempre e solo i grandi milongueros! 😉 Sapete se qualcuno lo ha fatto?

Un caro saluto
Chiara

 

Intermezzo Cul…turale

 

Sotterriamo l’ascia di guerra! Ahug!

Durante le ultime guerre fra Apache e esercito statunitense, molti giornali sudamericani e europei, raccontarono le gesta di Geronimo, Cavallo pazzo, Toro seduto, ecc…

E questo andò avanti per diversi anni, tanto che, per la risonanza, molti malavitosi parigini, adottarono questi nomi come nomi di battaglia. La stampa parigina perciò decise di chiamare “apaches” i delinquenti della città. Intorno al 1912, anche i porteñi, tanto per non essere da meno, battezzarono “Apache” i propri malavitosi, ravvisando in loro le stesse caratteristiche che distinguevano quelli parigini: “Discuten, juegan, roban, pelean, asesinan, matan. Usan en el destierro el caló parisién (il Lunfardo?)”.

  

E ovviamente il tema diventa argomento per il tango: molti titoli fanno chiaro riferimento al fenomeno. E nelle partituras compaiono le immagini di questi personaggi poco raccomandabili!
Si parte da “El apache” di Mauricio Mignot, seguendo con “El apache porteño” di Luis Bernstein. A seguire “El rey de los apaches“, di Alberto Bellomo, dedicato agli argentini residenti a Parigi. Ma non mancano quelli dell’altra sponda del Rio: il tango “Apache uruguayo” di Francisco Baldomir, vinse il primo concorso di tanghi organizzato a Montevideo. E ci sono per l’entroterra come “El apache rosarino” di Federico Gallo, o “El apache cordobes” di Ortiz; poi, anche se più tardivo, abbiamo anche un “Apache” di Juan D’Arienzo… ma ce ne sono altri.

   

Altri due titoli famosi relativi a questi personaggi della malavita, nascondono una curiosità: una coincidenza che ancora una volta di più spiega come sia difficile decidere chi vincerà la “guerra” circa la paternità del tango. Buenos Aires o Montevideo?
 

Mi riferisco ai tanghi “El apache argentino” e “El apache oriental“.
Il primo dei due tanghi, era famosissimo all’epoca – un pò meno negli anni successivi, ma oggi è tornato alla ribalta grazie alle orchestre giovanili; il secondo era meno conosciuto, anche perchè il suo autore era al suo primo tango ed era appena diciasettenne.
La strana e contorta coincidenza è che “El apache argentino” fu scritto dall’uruguayano Manuel Aróztegui (con le parole Arturo Mathón), mentre abitava e lavorava in Buenos Aires. Curiosamente “El apache oriental” (per orientale si intendono gli abitanti di Montevideo) fu scritto per scherzosa risposta dal giovanissimo e simpatico Enrique Delfino, che in quel periodo viveva e studiava a Montevideo, ma era porteño fino alla punta dei capelli!!! Uno scambio fra le sponde del Rio de la Plata! E, visto il tema, una sorta di Calumet della pace! 🙂

Un caro saluto
Chiara

 

Donne e motori … tango e dolori!

Parliamo degli anni venti, gli anni del dopo guerra in Europa, gli anni del grande Boom prima del grande Crak in America. Sono gli anni della crescita economica argentina e del rinnovamento delle idee e dei codici morali. E cambia anche la donna porteña: si taglia i capelli, accorcia le gonne, usa creme, si trucca, fuma, beve, lavora e guida l’automobile!!!

Pola Negri, una delle regine del glamour di quegli anni

Poteva l’uomo argentino accettare questa situazione senza dire nulla? Molti misogeni si scatenano nelle critiche. Un esempio? José Bohr, il dandy avventuriero per eccellenza, nel 1924 scrive queste rime:

Antes femenina era la mujer, pero con la moda se ha echado a perder.
Antes no mostraba mas que rostro y pie, pero hoy muestra todo lo que quieran ver.
Hoy más que una niña parece un varón, fuma, toma whisky y usa pantalón.
Mas lo que me causa mas indignacion son esas melenas que usan las garçonnes.

Ecco la nuova mina; la troviamo  anche nel tango! Gli autori del 2×4 son spiritosi e della cosa provano a riderci su; son sempre pronti a fare caricature dei personaggi che girano per la città, a prendere in giro queste moderne papusas… soprattutto quando salgono in macchina! … Ma chi disprezza, compra! Si sa! 🙂

Il primo è Contursi che sulla musica di Scatasso, nel 1924 scrive “La mina del Ford” (QUI la simpatica versione cantata e commentata da J. Vidal)

…Yo quiero una cama que tenga acolchado…
Y quiero una estufa pa’ entrar en calor…
Que venga el mucamo corriendo apurado
y diga: ¡Señora! ¡Araca! Está el Ford…

Un altro è Cadícamo che sulla musica di R. Goyeneche (tío del Polaco), scrive nel 1927 le parole di “Pompas de jabon” (QUI un assaggino cantata da Goyeneche)

Pebeta de mi barrio, papa, papusa,
que andás paseando en auto con un bacán,
que te has cortado el pelo como se usa,
y que te lo has teñido color champán.

D’altra parte sempre nel 1927 Cadicamo descrive questa nuova mujer anche per la musica di Matos Rodriguez in “Che papusa oì!” (QUI cantata da Libertad Lamarque)

Trajeada de bacana bailas con corte
Y por raro esnobismo tomás frizzé,
Y que en un auto camba de sur a norte,
Paseas como una dama de gran cachet.

Ma anche José Rial con la musica di Rafael Rossi nel 1929 ci parlano di queste donne al volante, nel tango “Primero yo!” (QUI cantata da Gardel )

Para mí no has pelechado… Sos siempre la misma cosa
por mucho que galantees al pasar en tu Renault.
Transparentan tus modales una moral desastrosa:
podrás cambiarte de aperos, pero de costumbres, no.

Leggendo i testi di questi tanghi, si capisce bene che queste belle “papusas” emancipate, devono aver lasciato parecchi cuori infranti fra gli uomini del tempo!  😉
E l’orgoglio di un amore ferito si legge bene anche fra le righe di “Gloria“, scritto nel 1927 da Armando Tagini con la musica di Humberto Canaro (QUI cantata da Nina Miranda). E anche in questo caso i doppi sensi si sprecano! 🙂

Yo no quiero farras ni champán
ni vivir en un petit-hotel
y a la voituré que vos me das
yo prefiero un coche de alquiler.

Mi fermo qui, tanto ora avete capito il senso del titolo del post! Proprio così: donne e motori … tango e dolori! 🙂

Un caro saluto
Chiara

La pietra che ballava la milonga

Ascoltavo ieri mattina alcuni brani dell’Orchestra di Leopoldo Federico e fra essi la mia attenzione è caduta su una simpatica milonga dal titolo “La Movediza” (QUI). Quando incontro un titolo un pò strano, come in questo caso, indago un pò, perchè spesso i titoli di un tango o di una milonga nascondono una storia. E anche questa volta è stato così; inizialmente pensavo che la Movediza fosse una ragazza un pò “volubile”, ma il fatto che sulla copertina del CD il termine fosse scritto con la maiuscola, mi ha fatto pensare a qualcosa di meno generico. Ed è così.
Con buona probabilità l’autore di questa milonga, Antonio J. Principe, ha dedicato il brano alla famosa Piedra Movediza di Tandil!

Una cartolina d’epoca della pietra

Vi racconto brevemente. Tandil è una provincia di Buenos Aires, situata circa 350 Km più a Sud della capitale; questa regione è da sempre stata meta turistica per gli argentini, soprattutto nel periodo di Pasqua. Ci sarebbe tanto da dire sul Tandil, sulla sua storia legata agli italiani (molti Bresciani, esperti tagliatori di pietre, emigrati in Argentina, si trasferirono nella regione per proseguire con il loro mestriere)… ma poi divagheremmo troppo!. Oltre che per i luoghi di culto, molti turisti si recavano nella zona per vedere una famosa pietra oscillante, cioè la Piedra Movediza. Come si legge nel sito della pietra (cliccare sul link), la Movediza era un immenso blocco di granito, pesantissimo (300 tonnellate) e curiosamente in equilibrio su un piccolo punto, in cima alla montagna. Già! Era piuttosto strano trovare un sistema montuoso in mezzo alla pianura e per di più questa pietra oscillante era una vera attrazione. Pare anche, che la sua oscillazione fosse piùttosto regolare, seppur poco evidente. Per provare che effettivamente oscillava, spesso i turisti vi ponevano sotto una bottiglia di vetro e a spettavano di vederla frantumata sotto il peso della pietra.

Purtroppo il giochino finì il 29 febbraio del 1912 quando, inspiegabilmente, la pietra che era stata fino a quel giorno in equilibrio, cadde a fondo valle, senza una apparente ragione. Vista la data particolare (il 29 febbraio non capita tanto spesso!), visto che non furono trovati a valle pezzi della pietra, che probabilmente si era frantumata in volo, vista la forma della stessa, nel corso degli anni furono fatte tutte le ilazioni possibili e immaginabili, qualcuna anche prendendo in considerazione gli ufo! (QUI una moderna pubblicità che prende in esame questa fantasiosa ipotesi! ). Va tenuta in considerazione anche la leggenda che spiega l’origine di questa pietra (QUI). Degna davvero di un mito!

Il flusso di turisti comunque non si è mai fermato, anche dopo la caduta e molti si son recati sul luogo dove stava la pietra; c’è tutta una storia di questo turismo, ricostruita grazie alle numerose cartoline spedite ai parenti a casa, nel corso di tanti anni!  Nel 2005 poi si ebbe l’idea di ricostruire la pietra e porla nello stesso punto. Il singolare “monumento” venne inaugurato nel maggio dello scorso anno (QUI la nuova pietra), in mezzo a molte polemiche: i soliti conservatori ritenevano “il vuoto” più celebrativo di un finto pieno. In effetti la pietra non è di pietra ma di un composto resinoso e, benchè ne abbiano ricostruito forma, dimensioni e posizione, in realtà non oscilla!  Non balla più la milonga …e  questo non piace! 🙂

Replica della Piedra Movediza

E tutto questo (ma molto altro) solo dietro a un titolo! 😉

Che bella cosa il tango!!! 😀
Un caro saluto
Chiara

La saggezza del folklore

El hombre nace y muere a veces sin vivir.
Camina desde el niño al viejo sin gozar…
…Tropieza tantas veces en una misma piedra;
Fruto que llega a pasa sin madurar….
…Solo se diferencia del reino animal
porque es el hombre el único capaz de odiar…

A volte l’uomo nasce e muore senza vivere.
Cammina sin da piccolo fin quando è vecchio senza imparare…
Inciampa tante volte nella stessa pietra;
è un frutto che passa senza maturare…
Si differenzia dal regno animale solamente
perchè è l’unico capace di odiare…

La pucha con el Hombre – Pedro Raúl Trullenque y Cuti Carabajal – Escondido
QUI la versione di Cuti y Roberto Carabajal…un capolavoro commovente…adoro ballarlo!

Payadores de Argentina

I quadri di Graciela

Graciela Bello è un’artista argentina nata a Buenos Aires. Ha studiato all’università storia dell’arte, estetica, airbrushing, fotografia e ha frequentato diversi laboratori d’arte, imparando a fare disegni, modelli tessili e francobolli. Organizza laboratori per bambini, ma è anche impegnata in mostre in tutto il mondo: Uruguay, Brasile, Perù, Repubblica Dominicana, Spagna, Irlanda, Italia, Svizzera e Stati Uniti d’America. Presta spesso le sue opere alle scuole per esposizioni; alle case editrici per le copertine di libri; alle associazioni di volontariato per cartoline informative.

Rain And Tango
Rain And Tango

Bellissime immagini da sogno: trovo i suoi paesaggi e i suoi personaggi, come ad esempio gli equilibristi, molto Felliniani. La tecnica di alternare pittura e collage, rende vivi i suoi lavori. Da buona porteña, fra i suoi quadri non poteva mancare il tango. Infatti si trovano nelle sue collezioni molti riferimenti al ballo della città natale. Tipiche le figure femminili che suonano, ascoltano o ballano il Tango, spesso fans di Gardel!

Gardel Fans Club II
Gardel fans Club II
Gradel Fans Club III
Gardel fans Club III

Ogni quadro di tango è un tuffo nel passato: i vestiti, l’arredamento, i colore. Sembra di sentire anche l’odore e la musica uscire dal grammofono!
Ho trovato delizioso un omaggio all’Italia (voluto?) nel quadro qui sotto: la nonnetta che guarda i ragazzi ballare ha uno scialle verde sulle spalle, una gonna rossa e un panno bianco sulle gambe; si ricreano così i colori della nostra bandiera. Io lo leggo come un omagio alla parte italiana delle origini del tango! 🙂

Tango in the conventillo
Tango in the conventillo

E per chiudere questa mini-galleria, il tango anche in paradiso: due angioletti si dilettano fra le nuvole suonando il bandoneon e la chitarra: che siano Troilo e Grela? 😉

Musicians angels
Musicians Angels

Maggiori informazioni le trovate sul suo SITO e altri quadri di tango sono QUI.
Un caro saluto
Chiara