Archive for the ‘citazioni’ Category

Tango: l’amore perduto

Horas felices que no volverán;
gloria de un amor lejano que, en vano, quiero olvidar.
Yo te soñé, yo te busqué por todos los caminos
y cuando te hallé, con tu amor,
calmé mi sed de errante peregrino.
Después, he sido yo, tan sólo yo,
quien destrozó cruelmente nuestras vidas.
Y hoy lloro tu amor, porque yo,
sin tu cariño, nada, ¡nada soy!

Ore felici che non torneranno;
splendore di un amore lontano che inutilmente voglio dimenticare.
Io ti sognai, io ti cercai per tutti i sentieri
e quando ti incontrai, col tuo amore,
calmai la mia sete di errante pellegrino.
Poi, son stato io, tanto solo io,
che ho distrutto crudelmente le nostre vite.
E oggi piango il tuo amore, perchè io,
senza il tuo amore, nulla, non sono niente!

Yo – Juan José Guichandut
QUI la mia versione preferita: Domingo Federico con Carlos Vidal

Hace mucho que no... da Skarhearth.

Foto by Skarhearth

Tango: un pensiero fisso.

Más fuerte que mi orgullo son tus ojos.
Más fuerte que tu engaño es mi pasión….
Inútil, cada vez te quiero más…
Te llamo, y jamás te he de olvidar…
Como sangre de mi sangre yo te siento
que aquí estás y tu ausencia me lastima
como hoja de un puñal…
Tus ojos, en mis ojos siempre están.
Yo siento, que te quiero… ¡y nada más!

Più forti del mio orgoglio sono i tuoi occhi.
Più forte del tuo inganno è la mia passione….
E’ inutile, ogni volta ti voglio di più…
Ti invoco, e mai ti potrò dimenticare…
Come sangue del mio sangue io ti sento
che sei qui, e la tua mancanza mi ferisce
come la lama di un pugnale…
I tuoi occhi son sempre nei miei.
Io so che ti amo… e nulla di più!

Sangre de mi sangre – Reinaldo Yiso y Juan Manuel Mañueco
QUI la versione di Biagi
QUI il testo integrale e la versione di Chola Luna

 

Foto by Hummyhummy

Cortina musical…’a canzuncella

Che m’e’ ‘mparate e fa, che m’e’ ‘mparate e fa
si doppe tantu tiempu te si scordata ‘e me …

Pruvamme ‘n’ata vota pe ‘n’ora po basta’
pe te senti’ ‘e parla’ e pe te dicere ca po
nun m’aspettave niente ‘a te
cchiu’ ‘e chello ca si stata…

Te si spugliata cca’, te si spugliata cca’
Si bella e nun ‘o saccie comme faccie a te gurda’
Te vojje bene ancora ma pe dice po pe ‘ddi …

Sinnamurata ‘e me ma sienteme, chi t’o fa fa
E torna ‘n’ata vota ‘mbraccio a chillu lla
Sinnamurata ‘e me ma sienteme, non ce pensa’
E torna ‘n’ata vota addu chillu lla.

‘A canzuncella – Paolo Morelli – 1977
QUI immancabilmente interpretata dagli Alunni del Sole

Non sarà un tango, ma le emozioni e l’intensità con cui son descritte ne fanno una poesia da tango.
E poi è quasi pure ballabile…volendo! 😉 Viva la canzone napoletana!!!

Un caro saluto e buona settimana a tutti
Chiara

Tango: l’amore lascia il segno…

Sé que mucho me has querido tanto, tanto como yo;
pero, en cambio, yo he sufrido mucho, mucho más que vos.
No sé porque te perdí, tampoco sé cuándo fue,
pero a tu lado dejé toda mi vida;
y hoy que estás lejos de mí y has conseguido olvidar,
soy un pasaje de tu vida, nada más.

So che mi hai amato tanto, tanto come me:
però, in cambio, io ho sofferto molto, molto più di te.
Non so perchè ti ho persa, e nemmeno quando è stato,
però al tuo fianco ho lasciato tutta la mia vita;
e oggi che sei lontana da me e hai già dimenticato,
sono un passaggio della tua vita, niente di più.

Toda mi vida – Aníbal Troilo y José María Contursi – 1941
QUI  Contursi presenta di persona la versione dello stesso Pichuco
QUI la traduzione completa di questo bellissimo tango

 

Che l’amore è tutto, è tutto ciò che sappiamo dell’amore (Emily Dickinson)
Foto by Silvia de Luque

Tango: con un po’ di fortuna…

Tres cosas hay en la vida:
salud, dinero y amor.
El que tenga esas tres cosas
que le de gracias a Dios.
Pues, con ellas uno vive
libre de preocupación,
por eso quiero que aprendan
el refrán de esta canción….

Nella vita ci son tre cose:
salute, denaro e amore.
Chi ha queste tre cose
deve ringraziare Dio.
Infatti con queste uno vive
libero dalle preoccupazioni,
per questo voglio che impariate
il ritornello di questa canzone….

Salud, dinero y amor -Rodolfo Sciammarella y Mariano Mores – Vals
QUI la versione di Francisco Canaro con Francisco Amor

Buona fortuna! – Foto by Giacomo

Per la verità anche questo vals (come Angelica di cui abbiamo parlato qualche giorno fa) era nato come Zamba e fu di Mores nel 1936, l’idea di trasformarlo in vals.
Poi visto il successo negli anni sessanta fu suonato con diversi ritmi: cumbia, salsa, ecc… (QUI). Nel video una versione dei Los Stop (1967) … un po’ così, alla Caterina Caselli …uno spasso! 😆
La storia si ripete!!! 🙂

Mi piacerebbe sentire la versione a Zamba. Chi provvede? 😉
Un caro saluto
Chiara

Tango: l’amore fa anche soffrire

Ven ,triste me decías,
que en esta soledad no puede más el alma mía…
Ven y apiádate de mi dolor,
que estoy cansada de llorarte, sufrir y esperarte
y hablar siempre a solas con mi corazón.
Ven, pues te quiero tanto,
que si no vienes hoy voy a quedar ahogada en llanto…
No, no puede ser que viva así,
con este amor clavado en mí como una maldición.

Vieni, mi dicevi triste,
che in questa solitudine non può più resistere la mia anima…
Vieni e abbi pietà del mio dolore,
che sono stanca di piangerti, soffrire e aspettarti
e parlare sempre sola con il mio cuore.
Vieni perchè ti amo tanto,
che se non vieni oggi finisco affogata nel pianto…
No, non può essere che continui a vivere così
con questo amore conficcato in me come una maledizione.

En esta tarde gris – Mariano Mores y José María Contursi -1941
QUI cantata da Sosa con l’orchestra di Leopoldo Federico.
QUI la storia d’amore che ha ispirato questo tango.

Foto by Daniele Mineri

L’amore farà anche soffrire…ma quanta felicità ti dona quando poi torna il sereno! 😉
Resisti che il tuo principe sta arrivando!!! 😀
Con affetto
Chiara

Tango: la luna mi parla di lei.

… Y en los abismos de esta noche de luna,
sólo quiero vivir, de rodilla a tus pies,
para amarte y morir.
Acércate a mi y oirás mi corazón contento
latir como un brujo reloj.
Mi voz te dirá palabras de miel
que harán de tu pecho fuego encender.
El canto del mar repite en su rumor
qué noche de luna, qué noche de amor….

…E negli abissi di questa notte di luna,
voglio solo restare inginocchiato ai tuoi piedi,
per amarti e morire.
Avvicinati a me e sentirai il mio cuore felice
battere come un orologio incantato.
La mia voce ti sussurrerà parole di miele
che faranno accendere il fuoco nel tuo seno.
Il canto del mare ripete nel suo rumore
che notte di luna!…che notte d’amore!…

Esta noche de luna – José García y Graciano Gómez y Héctor Marcó – 1944
QUI Alfredo Garcia e Alfredo Rojas

La luna ha disegnato il suo profilo per me- Foto by Max

Tango: il vero amore

Quiéreme como soy… Quiéreme como soy
Con mi culpa o mi rencor.
No pretendas de mí, para quererme
Que deje de ser yo…
Quiéreme como soy, para bien… para mal
Y a tu manera, pero tal como soy.

Amami come sono…amami per quello che sono,
con la mia colpa e il mio risentimento.
per amarmi non pretendere da me
che smetta di essere quello che sono…
Prendimi come sono, nel bene e nel male,
a modo tuo, però così come sono.

Quiereme como soy – Carlos Bahr y Elías Randal (Rubistein)
QUI cantata da Carlos Vidal con Domingo Federico
Un’altra poesia d’amore e musica.

Gocce d’amore – Foto by Chy81

Tango: musica celestiale

Bajo el cielo de arrabal mil estrellas en flor,
las guitarras te sonarán mi canción de amor;
a las luces de aquel farol al calor de este cielo azul
es tu cara de suave tul igualita al sol.
Linda pebeta, mi flor esta noche,
vente conmigo amor
yo te prometo el edén,
serás dichosa y feliz,
huyamos juntos mi bien….

Sotto al cielo di periferia mille stelle in fiore,
le chitarre ti suoneranno la mia canzone d’amore;
alle luci di quel lampione e al calore di questo cielo blu
il tuo volto tulle leggero è uguale al sole.
Bella ragazza, mio fiore questa notte,
resta con me amore
io ti prometto il paradiso,
sarai soddisfatta e felice,
fuggiamo insieme, mio bene…

BAJO EL CIELO DE ARRABAL Fondy Landa y Agustín Magaldi
QUI la versione tratta dalla colonna sonora del film Evita


Pentagrama de cielo – Foto by Max

 

Un tango una storia: Silencio

La Prima Guerra Mondiale, sconvolse l’Europa, questo è risaputo, ma gli effetti della guerra toccarono anche l’Argentina, seppur neutrale nel conflitto. In realtà, la grande percentuale di immigranti europei presenti a Buenos Aires, e non solo, fece sentire il peso della guerra anche oltre oceano.

Non sono molti i tanghi che hanno raccontato questo tragico evento. Tra i più famosi, H.A. Benedetti ne ricorda due: La Novena di Bonano e Bigeschi e Silencio di Gardel, Le Pera, con il contributo di Horacio Pettorossi.
Ed è di quest’ulimo tango che parliamo. Racconta la storia del presidente francese Paul Doumer assassinato da un anarchico russo nel 1932. Aveva perso tutti e cinque i suoi figli nella guerra.

 Eran cinco hermanos ella era una santa
eran cinco besos de cada manana…
Un clarin se oye peligra la patria
y al grito de guerra los hombres se matan
cubriendo de sangre los campos de Francia…
Y la viejecita de canas muy blancas
se quedo muy sola con cinco medallas
que por cinco heroes la premio la patria…

Ovviamente fu registrato da Gardel, in ben tre occasioni, tutte con una caratteristica: un coro femminile a far da controcanto. Nelle versioni con chitarre di Vivas, Riverol, Barbieri e Pettorossi erano due figlie dello stesso Barbieri a cantare. Nella versione con Canaro invece erano ben cinque le ragazze.

Gardel lo cantò anche nel film Melodia de Arabal, filmato in Francia, accompagnato in quella occasione dall’orchestra di Juan Cruz Mateo, in cui suonava anche Pettorossi (QUI nel video sulla sinistra).
Canaro lo registrò anche con Erensto Famà, tanto per non farsi mancare nulla! E lo registrarono molte orchestre, tra cui anche quella di Pugliese.
Belle queste versioni cantate, anche perchè le voci rendono bene il dolore della perdita. Ma io adoro la versione di Hugo Diaz, dove il lamento è affidato alla sua splendida armonica (QUI).

Un caro saluto
Chiara

Tango: el amor que embriaga.

Nadie puede darte mas ternura, nadie, nunca nadie más que yo
porque estoy plenamente convencida ¡ay! que todo es “un cielo para los dos”.
No hay un día ni una noche que me quede sin decirte
qué feliz estoy viviendo con tu beso embriagador.
Gracias mi estrellita, muchas gracias, por haberme dado tu querer
tu querer tan sincero y tan profundo ¡ay! que guardo en lo mas hondo de mi ser.

Nessuno può darti piu dolcezza, nessuno, mai nessuno più di me
perchè sono pienamente convinta che tutto è un paradiso per noi due.
Non c’è un giorno, nè una notte che mi fermi senza ripeterti
che sto vivendo felice con il tuo bacio ubriacatore.
Grazie stellina mia , grazie veramente, per avermi dato il tuo amore,
il tuo amore così sincero e profondo, che custodisco nella parte più intima del mio essere.

Un cielo para los dos – A. Cabral y E. Dizeo – Vals
QUI cantata dalla perla nera del tango: Lagrima Rios
Dedico questo vals a Max, un caro amico che aspetto, perche me lo faccia ballare 😉

Love – Foto by Burt Plucinski

Tango: amore di una estate.

Entonces, playa y sol, arena y viento,
la mirada del milagro y el verano del amor.
Entonces, cada noche fue una aurora,
cada aurora una caricia, cada beso una canción.
Entonces, en un tiempo que me duele
fuimos dos pero tan juntos que sobraba un corazón.
…Vino una ola y se llevó, como un barquito de papel,
nuestro romance que no fue….
…Y entonces, castillito sobre arena, de una ola,
¡cuánta pena!, el amor se derrumbó….

E allora, spiaggia e sole, sabbia e vento,
uno scambio di sguardi e una estate d’amore.
E allora, ogni notte fu un inno,
ogni aurora una carezza, ogni bacio una canzone.
E allora, in un tempo che mi provoca dolore,
fummo in due, però così uniti da bastarci un solo cuore.
… E’ arrivata un’onda e come una barchetta di carta
si è portata via il nostro romanzo , che non è stato….
E poi, come con un castello di sabbia, che dolore!
un’onda ha distrutto l’amore…

Amor de verano – Luis Stazo y Federico Silva – 1965
QUI l’orchestra di Stazo con Rosanna Falasca
Le parole di questo tango sono di una poesia speciale…
Silva è veramente un gran poeta!
Adoro l’uso di “entonces” ripetuto come a cullare l’orecchio che ascolta;
 evocativo il doppio uso della parola “aurora”;
la passione di un amore che nasce a prima vista…
e che muore senza un perchè… com’è nell’ordine delle cose,
come il mare cancella ciò che è disegnato sulla sabbia!
QUI il testo completo.

Un sereno e caldo solstizio d’estate a tutti!
Chiara

Quando il tango diventa un mestiere

Appena ti avvicini al tango vedi un mondo di gente che vuole divertirsi e sa come farlo…

Poi prendi confidenza coi maestri che magari sono entusiasti del loro lavoro e magari pensi “che bel lavoro, fanno un mestiere che piace e diverte”…

Poi vai a a ballare e scopri che non è così… poi chiacchieri – fra uno stage e l’altro – coi docenti, e scopri quello che è evidente, comprensibile, logico: se uno fa una cosa per mestiere, ovviamente per divertirsi o riposarsi farà  qualcosa di diverso, no?

croupier

Conoscete un pescatore di professione (per intenderci, di quelli che tutti i giorni escono col barcone) che abbia la passione della pesca sportiva? O un croupier che nelle sere libere vada a giocare al casinò? O un ginecologo che.. (no, questo lasciamolo perdere…)

Insomma, mi avete capito: prendiamo uno che tutte le sere insegna a ballare, che magari di giorno perfeziona la tecnica perché è impegnato in uno spettacolo, che sabato e domenica è su un palco a ballare…

quando c’è una sera libera vi stupisce se si mette in pantofole alla tivù, o se va alla bocciofila invece di andare in milonga?

Sicuramente gli toccano già gli extra coi parenti, affini e conoscenti vari (dai che mi insegni a ballare, portami a veder ballare il tango argentino, ecc ecc)

Dopo tutto questo, poniamo anche che gli venga voglia di uscire una sera con qualcuno a ballare, magari una seratina “intima”… c’è il serio rischio che uno stuolo di allievi ed ex allievi lo costringa a “fare gli straordinari”: gli dici di no??? si ma un tango solo??? sono stanco, grazie???

Per non parlare di “maestri rivali” che magari sono in sala per criticare…

naso finto

Se vuoi una serata tutta tua, o fai 100 km per ballare in incognito, o ti metti occhiali scuri e naso finto!

Volendo parafrasare Guccini, “io ballo quando posso, come posso, quando ne ho voglia senza applausi o fischi…” loro no.

NON INVIDIO I DOCENTI DI TANGO!

Asi bailaban los abuelos

…Asi bailaban mis abuelos
elegantes marcando el compás,
asi bailaban enamorados
mientras giraban al ritmo del vals.
Asi bailaban mis abuelos
con el mundo rodando a sus pies…

Cosi ballavano i miei nonni
eleganti mentre tenevano il tempo,
così ballavano innamorati
mentre giravano al ritmo del vals.
Così ballavano i miei nonni
con il mondo che girava sotto ai loro piedi…

Asi bailaban mis abuelos – Varela, Rossi y Soldan – Vals
QUI la versione di Hector Varela con Soler e Falcon …
un capolavoro che purtroppo si sente troppo poco!!!
Dedicato ad Art … el mejor valseador del mundo;-)

Abuela Pinocho – 1898

Un mare di tango!

Certe volte devi andartene
andartene dove è estate.
Al sud … si forse.
Al mare … si forse.
Ti metti in cammino
e senti il profumo del sole e del vento,
profumo di pesce, fuco e catrame.
Ti metti in cammino
e le rondini diventano gabbiani.
Svolti l’angolo,
ecco la stazione.
E dietro la stazione,
puoi starne certo,
dietro la stazione
c’è il mare.

Jutta Richter – Tutti i sogni portano al mare

Ovviamente sono al mare! Per ora solo un mare di tango!
Buon weekend! 🙂
Chiara

Tango vissuto, non eseguito…

“Anni di lezioni e di pratica possono permettere
di acquisire una buona tecnica,
che tuttavia non esaurisce ciò che è necessario
perchè la danza sia bella a vedersi
e piacevole per entrambi i ballerini.
Quello che trasforma un BUON tango in un BEL tango
è lo stato d’animo, l’intensità con cui ci si è dentro.
Sono le implicazioni psicologiche e culturali
che lo rendono VISSUTO e non solo ESEGUITO…”

Fausto Manara La vita non è un tango

Foto By Miss Good

Ancora un ultimo tango…

Sus ojos se cerraron,
y el mundo sigue andando…
se apagaron los ecos
de su reír sonoro
y es cruel este silencio
que me hace tanto mal….

I suoi occhi si son chiusi
e il mondo segue con il suo andare…
si son spente le eco
delle sue ristae sonore
ed è crudele questo silenzio
che mi fa tanto male…

Sus ojos se cerraron – Carlos Gardel y Alfredo Le Pera – 1935
QUI cantata da Gardel in persona
Dedicata a un amico tanguero che da ieri balla nella milonga del cielo. Ciao Ivan!

Foto by Sere

……fa caldo!

Agoniza la tarde en el silencio es pesado su andar,
sofocante el calor no da tregua y no sopla
ese poco de brisa que haga refrescar….
Agoniza la tarde en silencio…
Es pesado su andar, mientras yo,
ensangrentada en mi pena
otra vez tengo sed de esos labios
que me han de negar….

Agonizza il giorno in silenzio ed è doloroso il suo andare,
soffocante il caldo che non da tregua e
non soffia nemmeno un poco di brezza per rinfrescare…
Agonizza la giornata in silenzio…
E’ doloroso il suo andare, mentre io,
dissanguata nel mio dolore
ancora ho sete di quelle labbra
che mi sono negate…

Verano – Joaquín Mora y Francisco Gorrindo – 1938
QUI la versione cantata da Mercedes Simone, con il Trío Piana-Garza-Kohan.
Probablmente un tango come questo non è da ballare, ma ad ascoltarlo io mi commuovo! 😉

 

 Foto by Konrad

Omaggio al Tano de Pescara

Il 28 maggio del 1902 nasceva a Pescara Luis Cesar Amadori. Dopo pochi anni emigrò con la famiglia in Argentina,  vivendo e studiando da medico a Cordoba. Si trasferì poi nella capitale per dedicarsi al suo lavoro preferito, scrivere e dirigere film.

E’ conosciutissimo nel mondo ispanico soprattutto per i tanti film, scritti e diretti. Nel periodo peronista, fu costretto a esiliare in Spagna, fino al 70, ma anche li girò due bellissimi film e di gran successo con la cantante Sara Montiel: “La violetera” e “El último tango” (di questo film abbiamo parlato QUI).
Ma non solo cinema: molto teatro, musical, lungometraggi, collaborazioni con riviste…insomma un artista a tutto tondo.

Ha scritto molti testi di tango, in collaborazione anche con grandi nomi o da solo: era molto amico di Discepolo e con lui ha scritto a quattro mani diversi brani: “Confesión“, “Alma de bandonéon“, “Desencanto” e il vals “Tu sombra“.
Ed era tanto grande il loro legame che anche Tania (l’amata di Discepolo) cantò il tango Desencanto nel film “El pobre Pérez“, proprio diretto dallo stesso Amadori.
Era molto bravo anche a scegliere i compositori per musicare i suoi testi: Francisco Canaro, Luis Rubistein, Charlo…. Ed ebbe anche l’onore che grandi del calibro di Gardel, amassero e registrassero i suoi tanghi: famosissimi Madreselva e Rencor!

In Italia, nella sua città natale, a Pescara c’è una associazione che ha preso il suo nome, e ovviamente si occupa di tango. C’è nessuno di quelle parti che ci racconti qualcosa? 🙂
Intanto ho trovato questa intervista fatta allo stesso Amadori da Andrés Muñoz nel lontano 1940: molto bella perchè l’artista si racconta, racconta la sua storia, le sue passioni, i suoi progetti, e ci da uno spaccato della vita culturale porteña di quegli anni!

Per rendergli omaggio nel giorno del suo compleanno vi lascio con le sue parole, ovviamente parole d’amore, un amore sincero e disperato! 

Si supieras que estoy solo
entre tanta y tanta gente,
si supieras que estoy triste
mientras ríen locamente;
tengo todo y me parece
que sin vos no tengo nada…

Se sapessi quanto sono solo
anche fra tanta e tanta gente;
se sapessi quanto son triste
mentre gli altri ridono scioccamente;
ho tutto, ma mi sembra, senza di te,
di non avere proprio niente…

Vendrás alguna vez – Alfredo Malerba y Luis César Amadori – 1938
QUI cantata da Hugo del Carril

Un caro saluto
Chiara

Il regno del tango

Non son neanche del paese, ho una valigia di carton,
sono vestito, sì, in borghese, ma dentro c’è il bandoneon…
Potrei sembrare un ragioniere, anche un geometra potrei,
ma un tango sento io gridare in fondo ai sentimenti miei…

Fermo davanti ad un cinema del novecento ed è li,
dove ogni tanto fan musica sei giorni no e un giorno sì.
Dan poco o niente di stipendio per un tanguero encantador
è questo, dunque, il bel compendio di un’esistenza di languor…
ma non importa, però vivo un bel silenzio nel rumor
e osservo con lo sguardo bravo il paesaggio dell’amor…

Ci sono anime segrete fregate da un’ispirazion,
sono persone che hanno sete di dadaismo, di astrazion…
di un erotismo sconfinato che sembra quasi una illusion
come un mistero mormorato sui tasti del bandoneon…
e sull’ingresso del cinema la proprietaria mi fa:
“qui sono io la musica, và via, pezzente, và, và”
Come una furia dinamica, come se fosse un capron,
scalciando, brutta bisbetica, coi piedi sul bandoneon…

Bandoneon, vecchio leon mordila…
bandoneon, vecchio leon mordi….

Il Regno Del Tango – Paolo Conte – Elegia (2004)
QUI da ascoltare mentre leggi

[ADIÓS+NONINO+DEL+BANDONEÓN.jpg]

“Adios Nonino del bandoneon” By Felix Berroa