Archive for ottobre 2008

Maestro unico o pluralità docente?

Le polemiche di questi giorni sulla riforma della scuola mi suggeriscono una riflessione e soprattutto fanno sorgere alcune domande:

DIFENDIAMO L'ISTRUZIONE PUBBLICA da marinayeri.

– può un unico maestro insegnare tutti gli stili di tango?

– è vero secondo voi che chi insegna troppi stili non può farli bene tutti?

– meglio avere un unico riferimento didattico o cercare diverse esperienze/conoscenze?

A voi il dibattito… buona discussione 🙂
Deborah

Annunci

Dal nostro inviato a BsAs

Un bellissimo articolo del nostro inviato da BsAs. Non ha bisogno di commenti…dice già tutto così com’è! Buona lettura  🙂
Chiara

Homenaje a Eladia Blázquez

-un espacio propio

 

Por Carlos  Szwarcer

 

 

    Pasaron tres años desde aquel 31 de agosto de 2005 cuando su “corazón mirando al sur” se elevó a otra dimensión. Dueña de una manera distinta de sentir y expresar el tango, Eladia Blázquez, hija de  inmigrantes españoles (su padre era de Salamanca y su madre de Granada), había nacido en la ciudad de Avellaneda. Se abrazó a la música de tan pequeña que con razón solía decir “nací artista”.  Su carrera, iniciada a los 8 años, transitó diferentes estilos: los comienzos, en la canción española (por influencia familiar), luego, la música melódica y el folcklore hasta que incursionó en el tango y la balada, vinculándose intensamente con Buenos Aires desde el territorio de la nostalgia, evocando los tiempos cotidianos y primordiales.

 

Vitrina en la Sala

 

   Autora de más de 300 temas, no fue una revolucionaria de la música pero sí representó una brisa renovadora en la canción ciudadana. Sus creaciones tienen un modo diferente de mirar y de describir a la gran urbe. Las letras y melodías discurren por senderos que no conformaron del todo a los viejos tangueros que la miraban de soslayo, aunque no le dieron totalmente la espalda. Ciertamente, fue más apreciada por las nuevas generaciones por su moderno abordaje de la melancolía tanguera, los aromas del barrio, los perfumes del recuerdo, las  contradicciones de la mole de cemento, la ética en el proceder, así como los eternos amores o los grises desencantos. Su sello perdurará. Su obra queda viva en sus grabaciones y en la influencia que ha dejado. Son muchísimos intérpretes los que eligen sus canciones para cantarle a Buenos Aires y su gente.  

 

   Recientemente, en el tercer aniversario de su fallecimiento, el Gran Café Tortoni, le realizó un merecido homenaje al asignarle el nombre “Eladia Blázquez” a una de sus salas. La iniciativa fue de su dueño,  Roberto Fanego,  que comentó al respecto: “he tenido en cuenta las grandes condiciones artísticas y la calidez humana y que,  como habitué del café, junto a Héctor Negro compusieron ese tango tan hermoso llamado  ‘Viejo Tortoni’”. El espacio elegido fue el del sector con puerta de salida a la calle Rivadavia. Había sido salón de  billares  y antiguamente se lo llamaba  “mixto”, porque a principio de siglo pasado “allí se permitía la presencia de ambos sexos en un época en la que no eran bien vista las mujeres solas”. Unos veinte años atrás se le colocaron  mesas de pool cuando este juego estaba de moda.   

 

 

Carlos Szwarcer y el poeta Hector Negro

 

   Los oradores del acto fueron los poetas Mosquera Montaña y Héctor Negro. El primero señaló la importancia de este sitio, hito histórico por el que pasaron grandes personajes del país y el exterior. A su turno, Héctor Negro, realizó una semblanza de la artista y reveló detalles de los orígenes de la canción “Viejo Tortoni”: “Como enamorado de este lugar le quise rendir homenaje e intenté unos versos, y dije: estos van a ser para Eladia Bláquez. Se los alcancé y le encantaron. Pero me pidió que se los lleve a un compositor que fuera más tanguero que ella”. Héctor Negro recordó que tuvo que insistirle, quería para su letra una autora de tango que “le cantara al tiempo nuestro con el lenguaje de hoy y con la  música de hoy”. Y la logró convencer.  

 

   A los 15 días Eladia tuvo la primera parte de la melodía pero “se quedó atascada”.  El poeta la  serenó y alentó: “yo no tengo apuro”. Finalmente, adecuaron la música y letra, la redondearon y cuando la artista tocó la canción con su piano ambos quedaron satisfechos.

 

    “Viejo Tortoni” fue estrenado en la “Bodega” del Café por Osvaldo Arana en diciembre de 1979 y se difundió rápidamente. Susana Rinaldi pidió cantarlo, luego se realizó una bella grabación de Rubén Juárez con la orquesta de Raúl Garello y la propia Eladia lo incluyó en un compacto de sus canciones. Fueron las primeras versiones, después vinieron muchísimas más. Héctor Negro explicó que el éxito del tema probablemente se deba a que “tiene algo de atractivo,  no sólo por lo que fue el Tortoni sino que fue el traerlo al presente, y hacia el  futuro, cuando las generaciones vayan cambiando, cuando hayan otros poetas, otros músicos, otros cantores y vuelvan  a reverdecer las viejas glorias de este café”.

Sala del Tortoni. Público durante el homenaje

  

   En tanto recordaba a su amiga, el poeta  confesó emocionado: “la  última vez que nos vimos me dijo: ´Negro, tenemos que hacer otro tango´. Lamentablemente la muerte se interpuso entre nosotros y no permitió que así fuera. Yo ya tenía pensado algo para ella y lo sigo pensando. En algún  momento nos encontraremos en algún rinconcito del cielo y vamos  a hacer ese tango que le debemos a nuestro pueblo”.

 

   La proyección de un video de Eladia Blázquez en el que se la ve caminando por la calles de Buenos Aires, dirigiéndose al Tortoni -en el que ahora tiene su espacio con nombre propio-,  hablando de su vida, cantando sus populares canciones, trajeron al viejo café el recuerdo de una de las grandes creadoras del siglo XX. 

 

 

Buenos Aires, septiembre de 2008.

Carlos Szwarcer © 2008

 

Il vals dei calzini

Spesso in milonga mi capita di usare qualche brano di Vinicio Capossela, uno dei miei cantautori italiani preferiti. Dopo due anni dall’ultimo disco, proprio venerdì scorso – ha scelto volutamente venerdì 17 sfidando ogni superstizione – è uscito il suo ultimo lavoro “Da solo“. QUI un’intervista dove l’autore spiega le canzoni dell’album, il perchè del titolo, le idee che lo hanno mosso …
E subito l’ho voluto ascoltare per vedere se c’era qualche brano adattabile alla milonga, qualche brano per quelli che amano ascoltare e ballare anche su nuove sonorità.

Ho trovato adorabile “Il paradiso dei calzini” … una bellissima metafora della vita e delle storie d’amore, addattabile alla milonga come vals, per i palati più (o meno?) raffinati.

Eccolo qui per voi…e ragazzi (parlo a chi mi segue in milonga) preparatevi a ballarlo domenica prossima! 🙂

Dedicato a chi ha perso un calzino, e ancora non ha capito dove sia andato a finire; a chi ha sbagliato candeggio, proprio quando si era dimenticato uno dei calzini nel cestone della biancheria e ora ha un calzino rosa e uno bianco; a chi non riesce a buttare un calzino spaiato sperando che l’altro prima o poi ritorni, come da un viaggio; a chi si ostina a rattoppare i rattoppi di un calzino ormai consunto dall’uso; a chi ne usa due, uno diverso dall’altro, pescandoli a caso dal cassetto della biancheria; a chi vuole sempre e solo quel tipo di calzino e guai a cambiare; a chi ancora non ha capito che dei calzini si può anche fare a meno…almeno d’estate!   😀

Un caro saluto
Chiara

Ciao a tutti!

Saluto tutti i lettori.

Questo post ha purtroppo uno scopo poco piacevole: dire a tutti che smetto di essere la direttrice del blog di Faitango.

Nel corso dell’assemblea che avevo annunciato qualche giorno fa si sono rinnovate le cariche della federazione, e nel nuovo consiglio io non compaio.

Il consiglio entrante, con estrema correttezza e gentilezza, mi ha chiesto di continuare a seguire questa creatura informatica che ha iniziato ad emettere i primi vagiti poco più di un anno fa, ed è diventata bellissima (scusate, a me piace, e comunque tengo a fare i complimenti a tutti i miei compagni di avventura) e seguitissima (grazie a tutti!). Io ho rifiutato, perchè penso che un servizio così importante debba essere seguito da una persona interna al consiglio, in modo tale da farsi portatore verso l’esterno delle idee della federazione, cosa che una persona esterna non può fare.

Approfitto di questo post per fare un breve riepilogo della nostra storia 🙂

Io avevo fatto la proposta a Piero di creare un blog, e non mi era stata data risposta.. fino a quando, con mia sorpresa, durante l’assemblea di Ancona, Piero l’aveva direttamente presentata ai soci, che avevano accolto con unanimità l’idea. Che gioia! E che lavorone in quei primi mesi….Anche perchè, come vi ho già raccontato, eravamo partiti con una versione di prova, ma facendo l’errore di linkare subito gli altri blog. E loro ci hanno linkato, parlando subito di noi, obbligandoci a correre, correre, per sviluppare tutto. Che gioia provavamo nel trovare sempre nuove persone che avevano voglia di scrivere con noi! E che bello pensare con loro come raffrontarci con voi, che idee portare avanti.

Chiara e Nicky ci sono stati dal primissimo giorno. Chiara si è rivelata una persona preziosa e fondamentale, con la sua curiosità e la sua voglia di comunicarla agli altri. Nicky, con il suo tono scanzonato ma altrettanto curioso, ha dato al blog un tono allegro e vivace che altrimenti sarebbe mancato. Ma poi tutti gli altri.. Ricordo  con affetto Flavia, che tanto ha aiutato a farci percepire il vero significato delle lettras e della percezione che un argentino ha del tango, ed  il nostro esperto, che ci ha dato la possibilità di scoprire altri lati della nostra passione, tutti nuovi..

E poi Alberto, Deborah, Alessandro, Dori, Pieraldo…. é impossibile riuscire a nominare tutti.. 🙂

Ho parlato di idee. Avevamo voglia di confrontarci apertamente con tutti, dando per scontato che ognuno ha il suo modo di vivere questa passione, e che ogni modo è giusto e bello. Abbiamo capito che per riuscire a mostrare queste diverse ottiche era fondamentale dimostrare e chiedere rispetto nel modo di comunicare con gli altri.

Ed i risultati ci hanno dato ragione, trasformandoci in breve tempo in uno dei blog più letti, con lettori non solo italiani ma che si collegavano da tutto il mondo.

Insomma, è stato bellissimo.

Come ho detto mi dispiace rinunciare a questa avventura ma non penso che sia giusto che rimanga… e comunque sono certa che di lasciarvi in buone mani, e con autori capaci e volenterosi.  E continuerò a leggere ed intervenire, forse anche più degli ultimi periodi 🙂 E’ una promessa.

Ora saluto tutti, e vi ringrazio. Grazie a chi scrive per avermi fatto incuriosire e divertire, grazie a chi legge per esserci stato ad ascoltare…

Ma soprattutto un bacione a tutti!!!!!!! Ed auguro a tutti di ballare tantissimo!!!!

Grande festa di FAItango con assemblea elettiva

Ricordo a tutti, come già ho fatto in passato per eventi di particolare rilievo di esercizio della vita associativa di FAItango, che sabato si terranno due eventi importanti, ai quali consiglio di partecipare.

Nel pomeriggio di sabato 11, dalle 15.00 alle 17.00, si terrà l’assemblea elettiva della federazione per il rinnovo delle cariche sociali, assemblea che prevede il seguente ordine del giorno:

    – Discorso di benvenuto del Presidente ospitante.
    – Relazione del Presidente uscente: stato di crisi della Federazione; possibilità di cambio di rotta grazie all’Assemblea elettiva. Nomina della Commissione Elettorale
    – Presentazione di progetti che consentano un rilancio ideale e operativo di FAItango.
    – Discussione generale
    – Decisione sul numero dei componenti il nuovo Consiglio Direttivo
    – Decisione dell’Assemblea se prevedere singoli nominativi da eleggere o liste precostituite, per il nuovo CD
    – Presentazione delle candidature, entro le ore 19.
    – Procedura di elezione
    – Nomina degli eletti
     

     

La sera invece faremo festa tutti insieme!!!!
Il posto è meraviglioso: si tratta del Castello di San Martino in Rio, ed abbiamo già visto la sala durante la festa dello scorso ultimo dell’anno.
Prima della festa è stata organizzata anche una meravigliosa cena a base di prodotti tipici locali.
Io non vedo l’ora di esserci, e voi?
🙂

Dal nostro inviato a BsAS…Sofía Bozán

Ciao ragazzi! Eccomi di nuovo online. Mi siete mancati davvero tanto… e ora aggiornarmi su tutto quello che avete scritto sarà un’impresa!!! 🙂 Comunque grazie. Vi ho sentiti tutti molto vicini 😀

 

Carlos Szwarcer

 Torno in modo soft, usando un bell’articolo che il nostro inviato, lo storico e giornalista Carlos Szwarcer  ci ha mandato per tutti voi! Per la verità l’articolo ce lo aveva mandato in luglio, in occasione del cinquantesimo anniversario della dipartita di questa splendida artista: Sofia Bozan. Ma, complici le ferie e la mia pausa, lo pubblichiamo solo ora. Chiedo umilmente venia a Carlos, sempre così sollecito e carino, e spero che questo inconveniente non mini la proficua collaborazione! 😉

  

Nell’articolo di Carlos, che QUI potete trovare nella sua versione completa e originale, si racconta di questa artista, María Isabel Bergero, che nacque, forse, il 5 novembre del 1904 a BsAs. Fu un’artista a tutto tondo: teatro, radio, cinema, televisione, canto, ballo e recitazione. Lavorò con i più grandi nomi del periodo: veramente completa come poche.

La bella presenza e il suo stile inconfondibile nel canto, nell’interpretare i più bei brani dei poeti del tango (adoro il suo Yira Yira di Discepolo che potete ascoltare QUI, con quella pronuncia del “gira gira” tanto italiana), la hanno resa per me indimenticabile. Non così è stato però per molti suoi concittadini. Per questo la ricordiamo in questo post, perchè le venga reso un doveroso omaggio.

El Cachafaz ,bailando con Sofia Bozan , film,Carnaval de antaño-deL año  1940 -

Sofia Bozan y El Cachafaz in una scena del film Carnaval de Antaño

E quante sono donne che possono dire di aver avuto il privilegio di ballare un tango con il mitico Cachafaz? Lei si! E le prove sono arrivate fino a noi grazie alle immagini del film Carnaval de Antaño (QUI la scena con uno scatenato Cachafaz, davvero imperdibile! 🙂 )

Che dire? Grazie Sofia! E grazie Carlos!
E un caro saluto a tutti voi! 😀
Chiara

Vedo Tango

due cigni