Vedo tango

Lui si avvicina
piano piano
da dietro
e le sussurra all’orecchio:
“balliamo?” 

Altro che cabezeo! 😉

Flowers – Foto by Eduardo Perez

Annunci

15 responses to this post.

  1. Bella , Chiara!
    Certo però che un bel cabeceo deve essere bello, vero?

    Rispondi

  2. Io trovo che il cabeceo sia qualcosa di speciale !!!

    Rispondi

  3. Scusate, è bella anche la mirada e forse “una guiñadita de ojo” (forse ho detto una cavolata, perdón!)

    Rispondi

  4. una guiñadita de ojo ?

    Rispondi

  5. é “fare l’occhiolino” pero dije una gansada (ho detto una cavolata)

    Rispondi

  6. Perchè no, solo che se una mi fa’ l’occhiolino e mi piace, “mi vanno a livello” gli ormoni 😆

    Rispondi

  7. mahhh, io dicevo per dire, sono un’ignorante per ciò che riguarda las señas del tango!
    le ho mescolate con quelle del “TRUCO” (famoso gioco a carte impostato sulla bugia)

    Rispondi

  8. Lo so lo so ma mi hai dato il “la” per fare una battutaccia !!! 😀

    Rispondi

  9. Io mi agito troppo nella mirada…lo sapete già, ma durante il festival di Siracusa di due giorni fa ci ho provato. Avevo un’amica, che balla tango da 10 anni ed ha la giusta faccia tosta, che mi ha istruito ben bene nell’attacco al tanghero!
    Mi ha detto: “Punto A: Devi puntare il tanghero con cui vuoi ballare. Punto B: Ti avvicini alla sua zona e ti fai notare. Punto C: Se lo conosci inizi una conversazione sul niente, il tempo, la serata, il lavoro, bla, bla…e poi quando lui ti chiede di ballare, tu accetti con un bel sorriso, facendogli credere che l’iniziativa sia stata sua. Punto D: se invece è timido, dopo la conversazione lo inviti tu con leggerezza. Difficile che ti dica di no.
    Punto ESe non lo conosci ti avvicini sempre nella sua “area” e fai come se niente fosse. Ogni tanto gli lanci un’occhiata e se lui ricambia la mirada è fatta. Punto DEL NON RITORNOSe si gira dall’altra parte, cambia tanghero e ricomincia tutto dal punto A.

    Beh, io l’ho fatto e devo dire che è andata benissimo!!!
    Il metodo funziona quindi!

    Rispondi

  10. lo so che lo sai, ma sai giocare a truco?

    Rispondi

  11. E brava Scarlett, ne sai un apiù del diavolo tu !!! 😉

    Per Flavia: No, cos’è ?

    Rispondi

  12. Posted by Franco on luglio 2, 2008 at 4:05 pm

    E per caso come la briscola..?

    anche a briscola si fanno i segni..
    si scricca l’occhio..
    si fà un segno con le labbra..

    Rispondi

  13. la briscola la conosco poco, comunque il TRUCO (tutto è trucco) è un gioco fatto sulla base della bugia, è quella la tattica e il succo in se del gioco
    I segni sono , credo come quelli della briscola. C’è il segno con le labbra, si scricca l’occhio, si apre la bocca, si muove il naso.
    le regole sono difficili da spiegare qui, ma è una scusa per incontrarci tutti un giorno e “milonguear con la mentira”

    Rispondi

  14. “mentiras” è un tango !!!

    Rispondi

  15. ehhhh, todo tiene relación, hombre!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: