Tra sacro e profano

L’ho visto e non ci potevo credere! Ma non credo sia uno scherzo!
Un nuovo musical di tango. Sempre chiediamo nuove idee, nuovi schemi per gli spettacoli di tango, che rischiano di essere uno la copia dei precedenti. In questo caso forse la novità c’è , ma … sarà troppa tutta in una volta? 🙂
Lo spettacolo si intitola “Sebastian Tango” e si presenta così:

Un titolo un programma: “Sebastián Tango” è un Musical ispirato alla vita del martire cristiano San Sebastiano, soldato romano a capo della Guardia Imperiale. Morì per difendere i cristiani durante le persecuzioni di Diocleziano. Nell’iconografia classica è rappresentato legato e trafitto da numerose frecce. Si narra che comunque non morì per effetto delle frecce, perchè raccolto e curato da pie donne; però cercando il martirio tornò da Diocleziano per rimproverarlo dei suoi gesti e questo lo condannò a morte, stavolta assicurandosi che fosse morto!

Mantegna – San Sebastiano

Tornando al nostro spettacolo (uno spettacolo nel vero senso della parola!) la storia è ambiantata in una milonga ben poco tradizionale. L’ambientazione è in una sorta di chiesa barocca dove scene di sesso si confondono a suon di tango. Sebastian (Giovanni Bermond), il ballerino protagonista, figlio della padrona del locale (Daniela Arcuri anche coreografa) , si innamora di uno dei prostituti del posto (David Palo). La fidanzata (Tamara Bisceglia), gelosa, chiede aiuto al ruffiano (Alejandro Figliolo) per dividerli. Ma i fatti portano a un finale tragico…

La brillante idea è di Rodrigo Cervantes Ramírez, le coreografie sono di Rubén Cuello e Daniela Arcuri;  la musica di Martín Bianchedi.
Dunque una storia d’amore che mostra le passioni umane portate all’estremo: seduzione, tradimento, sesso, martirio, misticismo e morte si combinano per raccontare un intreccio. Ed è la combinazione per mettere in scena tutte le coppie del tango: uomo con uomo, donna con donna; il tradizionale uomo-donna rimane solo una delle alternative! Il trionfo del tango queer!

Ovviamente la recensione non è mia! Mica ho visto sta cosa! Ho solo tradotto quello che ho trovato nella presentazione sul sito dello spettacolo.
Nello stesso sito anche i giorni e i luoghi di programmazione a BsAs. Chi si sacrifica e va a vedere se è tutto vero? 🙂

Un caro saluto
Chiara

Annunci

20 responses to this post.

  1. Ma San Sebastiano non era patrono dei Gay ?

    Rispondi

  2. Io sapevo di diverse corporazioni e degli atleti (arcieri)
    Ad esempio dei vigili urbani, tappezzieri dei mercanti del ferro, ecc…
    Forse dopo questo spettacolo pure dei gay!
    🙂

    Rispondi

  3. Me lo raccontava mia moglie un giorno che siamo andati a vedere dei quadri a Bologna e tra questi era rappresentato anche San Sebastiano trafitto dalle frecce. Pare che fosse loro protettore per la particolare bellezza maschile.

    Rispondi

  4. Beh!
    Non si finisce mai d’imparare!
    🙂

    Rispondi

  5. A meno che non sia una delle solite leggende metropolitane

    Rispondi

  6. Posted by lucy on maggio 1, 2008 at 10:55 am

    io vorrei fare la parte della pia donna che cura san sebastiano-giovanni bermond. mi basta una comparsata.

    Rispondi

  7. Posted by lucy on maggio 1, 2008 at 10:55 am

    o una cumparsita…

    Rispondi

  8. Beh! Direi che almeno è fotogenico!
    Finalmente un pò di par condicio 😉

    Rispondi

  9. Infatti è da mezz’ora che vomito. O è il bello in se’ ??? Che dovrebbe piacere anche a me ??? 😆

    Rispondi

  10. Posted by lucy on maggio 1, 2008 at 11:17 am

    sindrome di stendhal, niky! anch’io! mi farei stendhere volentieri!;-)

    Rispondi

  11. ahahahah 😆

    Rispondi

  12. Vedrete che fra qualche tempo uscirà anche “Jesus Christ Supertanguero” !!!

    Rispondi

  13. Lucy: se hai bisogno di una mano…fai un fischio!!!
    ;-)))

    Rispondi

  14. Posted by Franco on maggio 2, 2008 at 3:30 pm

    ahh.. birichine, menage a trois.. 😉

    Rispondi

  15. No..in alternanza!!
    😉

    Rispondi

  16. Visto che il prossimo 7 giugno parto per Buenos Aires per soli 15 giorni, se ce la faccio andrò a vedere questo spettacolo (tempo e biglietti permettendo), così vi potrò dare le mie impressioni.

    Rispondi

  17. Posted by "sebastiana" on maggio 18, 2008 at 4:21 pm

    mi dispiace deludervi ma quello nella foto non è sebastiano-giovanni bermond (che nel periodo in cui fecero le foto era ancora in italia a fare il mio insegnante di tango!)ma il ragazzo di cui si innamora sebastiano nello spettacolo. sono stata a BA proprio per la prima di questo spettacolo, che è in effetti un po’ allucinante ma, diciamo, diverso..
    saluti

    Rispondi

  18. “Ma poi, che cos’è un nome?…Forse che quella che chiamiamo rosa cesserebbe d’avere il suo profumo se la chiamassimo con altro nome?”
    😉

    Rispondi

  19. Ben detto!
    Renè, Sebastian, Giovanni, David…. a noi paperelle piace guardare…mica ce li dobbiamo sposare!
    🙂

    Rispondi

  20. Posted by Niky on maggio 19, 2008 at 6:34 am

    Guardona !!! Voyeur !!! 😆

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: