Archive for 1 gennaio 2008

Scuole di tango… consigli per chi inizia…

Inizia un anno nuovo… parliamo di qualcosa che si inizia… e spesso, in questo periodo, iniziano i corsi di tango… che magari si “affiancano” a quelli iniziati ad ottobre…

Io ho iniziato ad ottobre 2006, per caso, in una scuola della mia città… consigliato da un’amica… ed ho avuto la mia esperienza… che nel bene e nel male mi è servita molto per iniziare a capire come funzionano le cose…
Ora ho cambiato scuola, questa volta conscio delle mie scelte… dopo averne frequentato una… seguito qualche stage qua e la’… fatto qualche lezione “di prova”, ho capito quelle che erano le mie esigenze e quindi ho deciso di conseguenza… anche se putroppo la scuola che ho scelto non è vicinissima vale la pena fare un po’ di Km per passare una bella serata ed imparare “cose buone”.

Ho pensato però a chi inizia… completamente digiuno di tango e magari di ballo in genere (come ero io all’inizio)… Quali strumenti hanno i “Principianti” per poter scegliere consapevolmente? Come si può valutare da una “lezione di prova” se i maestri che abbiamo visto sono adatti alle nostre esigenze… se sono bravi o soltanto lo sembrano…
Ho pensato a questo… e non riesco a trovare una soluzione diversa dal “consiglio” di qualcuno che e’ già nel “giro” e che conosce un po’ di gente… sempre sperando che quell’opinione sia il più possibile obiettiva…

Qualcuno ha consigli da dare a chi si sta avvicinando a questo (meraviglioso) mondo tanguero?

Annunci

Fai-Blogger

 E poi non dite che noi di Fai-Blog passiamo troppo tempo al Computer !!! 😆

 

Ma è proprio tutto vero?…

Iniziamo l’anno con un pò di pepe! Faccio seguito al post di Dori sui viaggi a BsAs e dico la mia.
Non vado a Buenos Aires, ma lascio che Buenos Aires entri a casa mia e con la tecnologia e un pò di fantasia tutto questo è ultra possibile. Musica, scarpe, libri, gadget, maestri e tangueros arrivano in Italia più facilmente di quello che ci si possa aspettare!
Però incuriosita dai racconti di una porteña d.o.c. che vive da un pò in Italia, ma che spesso attraversa l’oceano per tornare a casa, ho cercato qualche video della posto che lei mi ha indicato come uno tra i più porteños e not for tourist. Si tratta di  Maipù 444. Ne avrete sentito certamente parlare anche perchè vi si organizzano molte fra le più famose milonghe.

A sua detta è un posto solo per autentici milongueros di Baires, ma nemmeno di tutti, solo di quelli veramente bravi; è frequentata da un’alta concentrazione di maestri milongueros (ma i milongueros non imparavano solo in milonga???) e l’organizzatore avvicina chi non rispetta le regole implicite, invitandoli gentilmente a sedersi o ad allontanarsi perchè non vuole che si sparga la voce che si pigliano calci nel suo locale. Questo soprattutto il sabato con la Cachirulo, ma anche gli altri giorni.

Di seguito un pò cose che mi ha detto questa maestra e che ho cercato di confermare guardando qualche video (su Youtube ce ne sono diversi e ne ho scelto uno a caso anche se non è di un sabato).
Gli uomini siedono da una parte e le donne dall’altra (vero); nessuno ballerebbe mai una cortina (falso); nessuno fa il famigerato passo indietro (falsissimo!!!); la ronda è ordinatissima e nessuno balla in mezzo (falso); tutti seguono il compas (abbastanza vero, ma dipende dalla ballerna); nessuno inizia a ballare subito un pezzo (e per forza: son tutti fermi e anche se non hai nulla da dire stai li e aspetti … anche imbarazzato); gli uomini riaccompagnano le signore al tavolo (vero); nessuno sgambetta e niente volei (falso); nessuno cammina sulla pista (falso); anche chi non balla ascolta in religioso silenzio (falso c’è un vocio di sottofondo da far rabbrividire). Devo continuare?
Beh! No! Lascio guardare il video a voi e da soli vedrete come si balla in questo “tempio” del tango.
La cosa che mi ha colpito maggiormente? In questo video ballano tutti piuttosto uguale. Sarà che bastano pochi passi fatti bene, ma mi pare che facciano tutti gli stessi e l’ocho cortado regna sovrano!!!

Con questo cosa voglio dire???
Niente, ma i fatti mi cosano!  😉
E son pronta anche a sentirmi dire che ho beccato il video di una serata sfigata e che dal video non può emergere il sabor, e …..
Scusate la bestemmia ma continuo a preferire il Perito Moreno come meta argentina! 🙂

Un caro saluto e buon anno!
Chiara

Cartoline da BsAs