Omaggio a Sebastian Piana

Il 17 luglio del 1994 alle 15, ora di Buenos Aires, muore il grande compositore e pianista Sebastian Piana.

Sebastian Piana al pianoforte

Forse il suo nome e la sua foto, ai più, diranno ben poco, ma sicuramente la sua “Milonga sentimental” l’abbiamo ballata tutti quanti, almeno in una delle infinite versioni che ne sono state fatte: dalla più classica di Carlos Gardel, alla più elettronica degli Otros Aires (con la voce di Gardel campionata); dalla più veloce del Sexteto Major alla più simpatica di Tangodrims.

Cliccando sul nome del compositore, prima della foto, ne potete sentire una versione cantata da Carlito Gardel.

Piana, con Manzi il paroliere, è stato considerato l’ideatore della milonga come oggi noi la intendiamo; e “Milonga sentimental” è stata proprio la prima milonga di questo genere. Prima di questa, infatti, le milonghe erano dette “campere” cioè avevano testi improvvisati, parlavano di argomenti legati alla vita di campagna, avevano un ritmo e una musica pressochè costanti (bisogna ricordare che la milonga campera discendeva, senza molto scostarsene, dalla Payada, tenzone verbale in versi improvvisati e rimati su un argomento prestabilito); “Milonga sentimental” è stata la prima milonga con musica e testo composti appositamente… e da due grandi. Inutile dire che per essere apprezzata, ebbe bisogno di un pò di tempo, come tutte le novità nel mondo del tango!

Storia affascinante e peraltro controversa (ditemi cosa non lo è nel Tango!), ma che lascio approfondire, ai più curiosi, nelle pagine di Todotango.

Per terminare l’omaggio a Piana, vi posterò una mia traduzione del testo.

MILONGA SENTIMENTAL (MILONGA SENTIMENTALE )

Milonga pa’ recordarte, / milonga sentimental.
Milonga per ricordarti, milonga sentimentale.
Otros se quejan llorando, / yo canto por no llorar.
Gli altri si lamentano piangendo, io canto per non piangere.
Tu amor se secó de golpe, / nunca dijiste por qué.
Il tuo amore si è appassito di colpo, nemmeno mi hai detto il perchè.
Yo me consuelo pensando / que fue traición de mujer.
Io mi consolo pensando  che sia stato un tradimento di donna.

Varón, pa’ quererte mucho, / varón, pa’ desearte el bien,
Maschio… per amarti molto. Maschio … per desiderar il tuo bene.
varón, pa’ olvidar agravios / porque ya te perdoné.
Maschio …. per dimenticare le offese, perchè ti ho già perdonata.
Tal vez no lo sepas nunca, / tal vez no lo puedas creer,
Forse non lo saprai mai, forse non lo potrai credere,
¡tal vez te provoque risa / verme tirao a tus pies!
forse ti farà ridere quando mi vedrai abbandonato ai tuoi piedi.

Es fácil pegar un tajo / pa’ cobrar una traición,
E’ facile dare una coltellata per riparare un tradimento
o jugar en una daga / la suerte de una pasión.
o giocare con il pugnale la sorte di una passione.
Pero no es fácil cortarse / los tientos de un metejón,
Ma non è tanto facile tagliare le briglie di una cotta
cuando están bien amarrados / al palo del corazón.
quando sono ben legate al palo del cuore.

Milonga que hizo tu ausencia. / Milonga de evocación.
Milonga creata dalla tua mancanza, milonga del richiamo,
Milonga para que nunca / la canten en tu balcón.
milonga perchè nessuno la possa cantare al tuo balcone.
Pa’ que vuelvas con la noche / y te vayas con el sol.
Perchè tu ritorni con la notte e te ne vada con il sole.
Pa’ decirte que sí a veces / o pa’ gritarte que no
Per dirti di si,a volte, o per gridarti di no!

…….

Un caro saluto

Chiara
 

Annunci

2 responses to this post.

  1. Posted by dctango on luglio 17, 2007 at 9:48 am

    Trovo la versione degli Otros semplicemente geniale. Devo dire che anche grazie a Chiara mi sto assuefacendo a questi nuovi ritmi. La milonga sentimental versione Oreos l’ho ascoltata per la prima volta grazie ad Aurora che l’ha postata su “Vogliaditango” e già da subito me gustò mucho.
    Cosa dire ancora: provate a sentire anche il secondo disco degli Otros, “Dos”, anche questo un’autentica genialata, almeno per me che mi accontento di poco: se andate a sbirciare sul pc potrete scoprire un sacco di chicche sulla band in una specie di minisito con video, interviste, letras stile todotango etc etc. No, non mi pagano per fare pubblicità agli otros, ci sto ancora pensando…..Per adesso è tutto. A presto.

    Rispondi

  2. Posted by Chiara on luglio 17, 2007 at 12:06 pm

    Anche a me i dischi degli Otros sono piaciuti molto.
    Nella loro versione della “Milonga sentimental” trovo il “Gracias Gardel!” qualcosa di commovente. Invece mi hanno un pò deluso come musicisti dal vivo.
    Sono stata a sentirli all’ultimo festival di Bologna e devo dire che li ho trovati poco generosi. “Strimpellavano” sulla base e l’unico che si è guadagnato la pagnotta è sicuramente stato il cantante…
    Va beh!
    Ciao
    Chiara

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: