Spettacolo Zotto-I Virtuosi Italiani Verona 27 aprile 2015

PASSIONE NELLA DANZA!
PASSIONE NELLA MUSICA!
Dalle origini della vita
si accompagnano, si inseguono, si superano, mai sazie di emozioni!
virtuosi
Un’’esperienza tutta da gustare con:

Miguel Angel Zotto. Famoso in tutto il mondo
per il suo stile che ha sviluppato grazie alla
sua poliedrica personalità e instancabile creatività.
Creatore di una propria forma di spettacolo,
ha fin da piccolo la vocazione per quello che
è diventato: tra i tre migliori ballerini di tango
del secolo, come è stato dichiarato dalla
Città di Buenos Aires.

I Virtuosi Italiani. Un’’orchestra che ha fatto di
““tutta”” la musica il suo habitat. ““Affrontano il
barocco, il classico e il contemporaneo …
con una grinta, uno smalto e una adrenalina
che produce vita e tensione”” (Corriere della
Sera). Grandi successi in ambito jazz, pop,
etnico li accompagnano, con genialità e
talento danno voce alla musica della vita…


A tutti gli associati Acsi-Faitango verrà riservato un biglietto ridotto in ogni ordine di posto. Per acquistare il biglietto ridotto basterà contattare gli uffici dei “Virtuosi Italiani” al 045 8006411
e verranno date tutte le info per il pagamento e le modalità di riconoscimento di iscrizione ad Acsi-Faitango

Alas de Tango – 2 Aprile 2015 Torino

Per i soci Acsi-Faitango, presentando la tessera, prezzo ridotto a 20 € (anziche 25€) 

TANGO advFAItango

Festa Nazionale Faitango, 23 maggio 2015

banner festa Faitango 2015Oltre 160 associazioni italiane ti invitano alla Festa Annuale di Faitango. Non mancare !

Buone Feste – Buon 2015 – Buon Tango !

Il prestanome tanguero

il prestanome tanguero

La guerra dei Maestri /2

“Il tango e il mare” un romanzo di Monica Maria Fumagalli,

il tango e il mare - fumagalli monicaTaverne del porto di Buenos Aires, dove si incontrano “Bionde fanciulle dagli occhi di steppa, lupi norvegesi dalla pelle blu, mozzi neri della Giamaica e uomini di rame di Singapore” e dove un tango cantato da una ragazzina scuote l’anima di questi lupi di mare. Di questo e di tante storie ci racconta il nuovo libro di Monica Maria Fumagalli, danzatrice professionista, insegnante e ricercatrice da molti anni.
Un accostamento solo apparentemente ardito quello che l’autrice, propone ne “il Tango e il Mare”, libro dedicato a tutti quelli coloro che, provenienti da uno o entrambi i mondi, desiderano vedere le proprie passioni con occhi nuovi.
L’idea, come scrive l’autrice, nasce da un incontro casuale con la sensibilità di un uomo di mare che sentiva, nel tango al quale si era appena accostato, una affinità inaspettata e dal ricordo del nonno Dante, “marinaio perfetto”, dalla pipa in bocca e le braccia tatuate. Un viaggio attraverso le storie degli immigrati che, solcando il mare, verso la metà del 1800, lasciavano la patria e approdavano nella città di Buenos Aires, stabilendosi nei pressi del porto. Una città fondata in un legame indissolubile proprio tra il suo porto e le storie degli uomini che la abitano, raccontate dal Tango (non a caso, gli abitanti di Buenos Aires sono tutt’ora “Porteños”, abitanti del porto). Uomini partiti non per scelta, ma per sfuggire alla miseria, che manterranno viva la nostalgia per la terra natia e stretto il rapporto proprio con quel mare che da essa li separa.
Attraverso una ricerca su testi, iconografia e storie dei protagonisti, Monica Maria Fumagalli ci racconta di come questo rapporto così intenso sia presente nel Tango. Un racconto per il quale è stata scelta una forma agile ma ricca di spunti, note a margine, disegni (opera di Emanuela Bussolati, responsabile anche del progetto editoriale) e documenti che lo rendono fruibile per tutti senza però mai perderne l’autorevolezza testimoniata dall’apparato bibliografico e discografico che rivelano la natura di ricercatrice dell’autrice. Ecco che allora leggeremo di un porto che, da ospite di contrabbandieri e pirati diventa, agli albori del diciottesimo secolo, il centro della città e uno dei più importanti di tutta l’America Latina. Oppure della strana storia di Mariano Moreno, segretario del primo governo indipendente coloniale, che morirà in circostanze misteriose pochi giorni dopo il suo imbarco e sarà inghiottito dell’oceano avvolto nella bandiera inglese. Leggeremo storie raccontate dal tango di uomini che all’immensità dell’acqua consegneranno dolore, disperazione e domande che non avranno mai risposta. Un libro dedicato non solo ai ballerini di Tango o agli appassionati di mare ma a tutti quelli che amano il racconto di storie appassionanti. Il volume è il primo della collana “Un paso más”, che raccoglierà le conferenze tenute dall’autrice in diversi paesi del mondo e la documentazione scovata nei suoi viaggi
Francesco Patierno

“Il Tango e il mare” di Monica Maria Fumagalli, Abrazos editore, illustrazioni e progetto editoriale di Emanuela Bussolati

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 52 follower