Tango Argentino – piccolo breviario per i suoi ballerini

In questo libro scopriamo il codice d’onore dei ballerini porteños del Tango Milonguero, non contaminati dal turismo del Tango, la cui età si aggira intorno a 70-80 anni. Il loro comportamento rispecchia i concetti di cui si parlava già nell’antica Cina! Scopriamoli insieme seguendo le orme del saggio Lao Tse e de los Viejos Milongueros. Rimarrete sicuramente sorpresi!
L’unione fra elemento maschile e femminile è la danza più antica del mondo. Leggere il Tango Apilado attraverso la via del Tao è un viaggio alla scoperta di noi stessi e del legame profondo che ci unisce al nostro partner.

Disponibile come libro stampato ed in tutti i formati ebook a:
http://tango-dancers.com/tango-argentino-piccolo-breviario-per-i-suoi-ballerini/

Assemblea e Festa Faitango 2014

faitango-festa-2014

Poesie di Nicola Romano

Autobiografia Dell’Autore

Nicola Romano Autore di componimenti poetici, liriche letterarie in attesa di pubblicazione, tipici di un DNA Viscerale, che identifica la Donna ’L’Eroina poetica ispiratrice, un Amplesso cerebrale che meglio rappresenta nelle sue opere. Studioso e ballerino di tango argentino per passione. Nasce a Bari attualmente domiciliato a Padova per lavoro, laureato all’università degli Studi dell’Aquila nel 2009, anno del triste evento, il sisma. Divulga il suo verbo poetico, come accento di vita, dopo l’amore per le sue passioni, offrendo lettura e condivisione delle sue opere inedite. Ha partecipato ad alcuni seminari e laboratori teatrali interpretando il ruolo del tenore Palewsky nella commedia teatrale “Centocinquanta la gallina canta” di Achille Campanile  riproposta dalla regista Dedi Rutigliano presso il Teatro forma di Bari,  l’arte scenica è culla della sua introspezione artistica. Personalità istrionica, ballerino di milonga.
“Eppure Accadde…L’amante Infedele…Eroina del Tango” Opera vincitrice al concorso letterario internazionale Città di Venezia 2013 con l’assegnazione del Premio città di Venezia, e l’opera: “Echi nella notte…Vibra un tango a Venezia”; Gran Premio Letterario Internazionale Città di Praga 2013 L’Opera “Parlo di me…Sorda Malinconia” vincitrice del premio Città di Praga 2013, e selezionata per l’antologia città di Praga; “Vita Ingrata” 3° Classificata al concorso letterario internazionale di Firenze dicembre 2012 selezionata per l’antologia Ottavio Nipoti Ferrera di Erbognone, l’espressione dell’uomo al triste specchio dell’indifferenza, la ritrosia di un mondo consapevole e ignaro della sofferenza interiore, lo spettro costante. L’opera Video poesia “FemminA” riceve la menzione di merito al concorso internazionale Don Luigi Di Liegro Roma Gennaio 2013 (pubblicata dall’autore su youtube.it) enuncia l’universo della bellezza femminile, e la sua dicotomia costane. Il titolo è successivamente modificato dall’autore in “FemminA…. e In Silenzio ….Ti Amai”; L’opera “Il principe dell’Ascolto” iscritta nell’antologia Concorso letterario nazionale di Monza marzo 2011; “D a n z A” Opera selezionata al concorso letterario nazionale di Melegnano anno 2012 nell’antologia poetica città di Melegnano.
L’Opera “Un ragazzo e la Donna….l’Enigma….anime nell’anima….Amanti”
Finalista concorso lett. Int.le messaggi di pace Firenze ediz. 2013
Attualmente impegnato nel romanzo, iniziato a scrivere a Gorizia:
Il segreto della porta Accanto….il Peccato si Spoglia.

e-mail: niromano@tiscali.it

 

Eppure Accadde….. L’amante Infedele
…Eroina del Tango

Che inganno quella Notte,
Eppure Accadde.
Lei la schiavitù e la libertà, in una stanza vuota e sola,
il ricordo Immortale.
Lei Famelica e Sanguigna, Innocenza e Seduzione,
Vento Glaciale….Varcò quella soglia, Divise Spazio e Confine.
E in un Rosso Ghiacciato Morboso Tango…
ancora Lei fragranza ermetica, Bellezza etiope nel Deserto,
Etnia sconosciuta.
Io..…Io, Coccolato e rapito nella Sincope di un Abbraccio perfetto,
Tango il Sale.
In un vortice che ha chiamato Amore, l’insipida Tristezza,
ha tradito l’attimo, inesorabile giudizio dell’Addio.
Non volli Innamorarmi quella Notte, No,
Non volli Innamorarmi di un gesto proibito,
Eppure Accadde,
in un silenzio rubato alla mia Vita…..Alchimia.
L’amante Infedele sfidò il Destino di un uomo.
L’inganno mutò il suo volto, scalfì quell’immagine e incise il suo Nome
in un ritratto che non conobbi Mai.
Lei eroina del Tango.
In quella Milonga la Seduzione compì il suo gesto,
Amante Infedele di un Giorno Qualunque.

Padova 2 Febbraio 2014  Tratto dalla Silloge  “Gocce nell’oceano”

D . a . n . z . A

Danza, Danza e ancora… Danza.
Fuggo da un insolito presente,
Fuggo da un mondo irreale,
Fuggo, e ancora fuggo, ma tu, Danza.
Aspetto, guardo,
attendo,
imprigionato da un Inganno,
…… Danzo.
Nella sacralità di un abbraccio
che separa il silenzio dalla parola,
Danza
l’Insaziabile Attesa,
Malinconica Inquietudine
di un’Inguaribile
Milonga.

Padova, 18 Febbraio 2014   tratto dalla raccolta di versi  “ Gocce nell’oceano”


F e m m i n A….e In S i l e n z i o ….T i A m a I

Quello smalto sulle dita,
E’ una maschera che Indossa,
riconosco la sua Ombra, nel riflesso del mio Specchio.
Quel vestito di swarovski riaccende un desiderio,
Femmina in quell’io,Nudo fatiscente,
dominio deflagrante sulla sabbia del Ricordo.
Nel fango si riveste, si spoglia Lentamente,
come Argilla Che Ha creato,Cattedrale in quel Deserto.
Nello sguardo più Graffiante, il mio corpo è Lacerato, Assente,
Non c’è spasmo, Nessun tremore, ha varcato la Mia soglia,
il Suo odore, è un Grido Infame.
Languida sinfonia sulla pelle di un Ricordo.
è una Perla il suo strano Grido,
Nella stanza del silenzio.
Dal letto delle piume Tormentò il nuovo Giorno,
Fuggire al mio Risveglio,
e Non chiamarsi Mai…… D o n n A.
…… In Quel Silenzio Io ….Ti Amai.

Padova, 7 Marzo 2014  tratto dalla raccolta di versi “Gocce nell’oceano”

Workshop di primavera – “introduzione al diritto d’autore e Siae”

Per seguire lo streaming del workshop
“Diritto d’autore e Siae” click qui !!
Sabato 22 marzo ore 15
workshop FAITANGO 2014-03-22

Sede del seminario:  Impact Hub Milano
Via Paolo Sarpi 8   Milano 02 40709253

FAItango organizza e ti invita al workshop dal titolo “Introduzione al diritto di autore e alla Siae”

docente Avv. Simone Aliprandi*-
Progetto Copyright-Italia e Studio Legale Array

Milano sabato 22 Marzo 2014  (ore 15 – 18,30)
Il seminario sarà trasmesso in diretta streaming da www.faitango.it

Per seguire lo streaming del workshop
“Diritto d’autore e Siae” click qui !!
Sabato 22 marzo ore 15


Sede del workshop
:
Impact Hub Milano (sala Giardino)
Via Paolo Sarpi 8   Milano
02 40709253  http://milan.impacthub.net

Come raggiungerci  mappa
HUB Milano si trova in Via Paolo Sarpi 8, nel cuore della città, a 5 minuti dalla stazione della metropolitana di Moscova e a 8 minuti dalla stazione Garibaldi.
Metro: linea verde, fermata Moscova da Stazione Centrale o Cadorna.
Autobus: 94     Tram: 2, 4, 12, 14
con la macchina : archeggi privati in via Pasubio e Piazzale Baiamonti
via Paolo Sarpi è zona a traffico limitato ZTL.
Il seminario è rivolto specificatamente alle associazioni di tango che organizzano eventi con musica e ai dj che musicalizzano. Programma:

1- Introduzione. I diritti d’autore e i diritti connessi.
2- Gestione dei diritti d’autore. Le società di gestione collettiva
3- La SIAE: che tipo di ente è e che attività svolge
4- Gli autori e la SIAE. Il regime di monopolio. Prospettive future
5- Il cosiddetto borderò: funzione e problematiche emergenti
6- Il cosiddetti bollini: miti e leggende
7- L’attività di controllo. I poteri degli ispettori SIAE
8- DJ e SIAE

Prenotazione e info segreteria@faitango.it  3476822907
Orario inizio seminario ore 15 – termine ore 18.30

Possono partecipare a Milano:
i rappresentanti delle associazioni affiliate Faitango, i loro soci, DJ anche non associati.
Obbligatorio prenotare per mail presso la segreteria, specificando se si tratta di rappresentante di associazione, socio, DJ. La partecipazione è gratuita.
Al seminario possono partecipare anche i rappresentanti di associazioni non affiliate. Si chiede di prenotare con mail presso la segreteria. Specificare nome associazione, telefono, numero partecipanti e loro nome. I posti sono limitati. La partecipazione è gratuita.

La visione in streaming della diretta del seminario è libera e gratuita.
A tutte le associazioni affiliate a Faitango verranno inviate per mail le modalità di accesso allo streaming.
Alle associazioni non affiliate, DJ e altri interessati, verranno inviate per mail le modalità di accesso facendone richiesta alla segreteria. Specificare associazione eventuale, telefono, numero partecipanti e loro nome.

la visione della registrazione del seminario sarà libera e gratuita con modalità che saranno specificate successivamente.

*Referenze dell’avvocato Simone Aliprandi su www.aliprandi.org

Leonardo Cuello: “Vivo il tango nel presente con la poesia del passato”

di Andy Mocellin-Cassina

Leonardo Cuello (1) Leonardo Cuello è coreografo e docente universitario tra i più celebri ed eclettici di Buenos Aires. Proviene dal folclore argentino e ha lavorato nella compagnia  “Tangokinesis” di Ana Maria Stekelman. Con i suoi spettacoli, tra i quali Tetralogia e Quintessencia, propone una poetica attraverso la quale il tango si fonde con altri linguaggi, mantenendo la sua essenza. Lo abbiamo incontrato a Buenos Aires ad agosto, attualmente è in tournée in Europa.

 Leonardo come ti sei avvicinato alla danza nel passato e successivamente al Tango?

Bene, i miei genitori si conobbero ballando folclore e quando ero ancora bambino li seguivo quando loro ballavano nelle feste di paese e di quartiere. A sette anni cominciai a prendere le mie prime lezioni di ballo. Negli anni a seguire ballai con un gruppo folclorico e di tango, e benché il tango non fosse molto popolare tra i giovani io continuavo a studiarlo con un ballerino molto apprezzato ”Cacho Dinzel”. Facevo inoltre parte del “Balletto Folkloriko de la Universidad de Buenos Aires” studiando folclore e tango. In quel periodo la direttrice del balletto, che è l’attuale presidente del “consiglio Argentino della danza”, Beatriz Dante, già studiava lla contaminazione tra folclore e tango, così anche io cominciai ad interessarmi a questa fusione. Investigando e facendo ricerche, continuai a studiare e ballare con Mingo Pugliese e molti altri.

Raccontaci della tua esperienza con la compagnia di Ana Maria Stekelman

Io ho sempre puntato alla fusione del tango con altri balli. Cominciava a farsi strada in me il tango come ballerino più che come milonghero e quindi nel 92 cominciai a lavorare con Oscar Araiz e nel 95 con Ana Maria Stekelman e proprio con lei mi furono aperte delle nuove porte nell’investigazione di questa danza, lavorai in seguito anche con Doris Petroni con il balletto contemporaneo del Teatro San Martin. E’ interessante che dopo aver lasciato “Ana” nel 99 cominciai a lavorare nel mercato commerciale  del tango continuando però le mie investigazioni a 360°

  C’è un compositore o una musica in particolare che hanno segnato il tuo percorso?

Non c’è un compositore o un movimento che mi abbia influenzato più degli altri, sono momenti e tappe della vita che mi piace chiamarli “periodi estetici del tango” e oggi amo qualsiasi tipo di questi movimenti estetici. Ad esempio in questo momento sto lavorando con un “Piazzolla” sinfonico.

  Possiamo dire che ogni momento ha un suo valore particolare?

Cerco di connettermi e trovare in ognuno di questi momenti la poesia, i miei allievi invece sono più selettivi di me, a loro piace conoscere il tipo di musica di un determinato periodo, un determinato autore e io mi ritrovo spesso a chieder loro di ricercarmi per esempio un tipo di musica non cantata dove però posso ascoltare i violini, invece in altri momenti preferisco ascoltare i bandoneon e loro mi aiutano in questa ricerca.
Per me è come se volessi farmi un vestito, entrassi in un negozio di stoffe e rimanessi colpito da tutte le stoffe e dovessi scegliere o quella più classica o quella più moderna

  Hai presentato il tuo spettacolo con molto successo al “Mundial 2013” e lì si è visto quest’anno un’incredibile evoluzione dal punto di vista tecnico e qualitativo, quale sarà a tuo avviso l ’ulteriore sviluppo del tango a Buenos Aires e nel mondo?

Penso che oggi l’estetica sia migliorata e si sia più raffinata, è già un po’ di tempo che sta succedendo, soprattutto lo si nota  nel “tango de pista”, nel tango escenario c’è un po’ più difficoltà ad abbandonare una certa volgarità, dico volgare perché alcuni passaggi con effetti acrobatici e fisici che per me sono un po’ volgari sono difficili da abbandonare, però in occasione dei mondiali per fortuna si sta facendo di anno in anno un grande lavoro, tanto da migliorare il gusto e l’estetica, questo grazie anche ad un miglioramento del livello tecnico ed una ricerca nel buon movimento.
Per andare avanti in questo percorso bisogna vedere quanto i coreografi piuttosto dei ballerini abbiano la capacità e siano in grado di rischiare.
Al mondiale ho visto una crescita ed una ricerca in questo, però c’è ancora molto da fare e continuare in questa ricerca, incrocio le dita perché l’aspetto commerciale si allontani un po’ da questa attività e che gli artisti del tango non abbiano paura nel lasciare un po’ questo aspetto commerciale per dedicarsi a migliorare l’aspetto estetico, anche se la cosa non è così facile.

Potresti darmi una tua definizione di “Tango de pista” e “Tango escenario”?

Il tango de pista è il tango tradizionale… ”de marca”… essenziale, che si svolge in uno spazio sociale dove il piacere è interno, intimo, è ballare per il piacere di ballare con un’altra persona e di trovarsi con la musica senza nessuna influenza esterna, è creatività e co-creatività in quel piccolo spazio che ci si ritaglia in pista. Il tango de escenario per me è una cosa diversa, poter prendere la meravigliosa situazione che succede tra due persone con il tango tradizionale in pista e tradurla sul palcoscenico, facendo sì che il pubblico si avvicini e possa gioire di quell’incontro. E per poter mettere in scena questo, ci sono delle regole da seguire, definire tutti i dettagli lavorando con tutta una équipe, costumiste, tecnici, luci, preparatori atletici, ecc… come nel cinema,in modo tale che il pubblico poi possa capire, apprezzare e avvicinarsi a ciò che vede.

 Tu sei docente allo “IUNA” (Istituto Universitario Nacional del Arte) e l’anno scorso ho potuto vedere la preparazione di un tuo spettacolo con questi giovani ed incredibilmente bravi allievi. Al giorno d’oggi qual è l’approccio dei giovani con il tango, come lo vivono?

I ragazzi dello IUNA lo vivono con assoluta libertà e io collaboro per fare in modo che loro non perdano questa spontaneità. E’ fantastico che qui in Argentina i giovani scoprano e s’ innamorino della loro arte popolare studiando e rispettando le tradizioni, così da assicurarne una continuità per un futuro ed è già più di un secolo che questo ballo continua a vivere rispettandone le tradizioni e loro faranno parte di una ulteriore crescita del tango.

 A questo punto quanto è importante tradizione e innovazione ?

All’inizio mi sentivo molto … Kinetico, molto Stekellman , perché giocavo  con il corpo e con il movimento e così ho costruito un paio di opere, poi piano piano, come succede ai pittori che gli si scioglie la mano, anche io ho cominciato a sciogliermi e ammorbidire la traccia addentrandomi di più nell’aspetto teatrale e nella drammaticità del movimento. All’inizio lavoravo con la musica contemporanea poi ho cominciato a ricercare nel tango del passato degli anni ‘40, ‘50  e del ‘30. All’inizio  sì, lavoravo di più con musica contemporanea ma ora quello che mi rende più contento è il lavoro che sto facendo con le musiche di un altro tempo, adoro le milongas di D’Arienzo come le musiche di Di Sarli e Calò, la voce di  Podestà.

 Cosa vuoi trasmettere al pubblico con i tuoi spettacoli?

In verità non so cosa provoco nel pubblico, ma so cosa sento io andando nella profondità del tango e cercando di costruire, come coreografo, una forte identità. Penso a me contemporaneo, perché vivo l’oggi con i ballerini con delle caratteristiche moderne in enorme evoluzione tecnica, ma prendendo dal passato la poesia… una milonga di D’Arienzo ti può far viaggiare da qui alla Calabria, selezionando i vari elementi meravigliosi che ha il tango, per poter parlare sulla scena al di là di Piazzolla, di Pugliese o dell’erotismo fatto e rifatto, come unico elemento scenico.

 Hai portato i tuoi spettacoli dall’ Argentina all’Italia , specialmente a Torino. Quali sono i tuoi progetti futuri sia in Argentina che all’estero?

A Cordoba ho lavorato a un’opera di tango con il balletto classico e a Buenos Aires ho incontrato la direttrice del teatro “Colòn” per una possibile collaborazione futura e sarei felice di stare in Argentina  portando avanti i miei progetti, ma è anche interessante viaggiare nel mondo ampliando la mia creatività. Io sono un maestro di tango, ma non quando viaggio, non voglio partecipare ai festival importanti nel mondo, anche se credo portino delle opportunità. Io invece vorrei portare la mia creatività presentando i miei spettacoli e la mia compagnia. Intanto sto continuando il lavoro con la compagnia del “IUNA”, il “Ballet Nacional” e con la mia compagnia stiamo allestendo un nuovo spettacolo alla “Usina de la Arte “ a La Boca per Aprile Maggio del 2014.

 Noi al “Mundial “ abbiamo visto la presentazione del tuo spettacolo, meraviglioso, con idee innovative e grande successo di pubblico; puoi raccontarcelo?

Leonardo Cuello(2)Con la compagnia abbiamo in questo momento due spettacoli completi “Quintessencia” ,“ Tetralogia” più uno che risulta essere l’unione dei due spettacoli. Ognuno di questi due spettacoli è formato da quattro opere corte da 20 minuti, per fare il paragone,sarebbero come dei “corti” cinematografici, mentre penso che un lungometraggio sia per direttori con altra esperienza. Con Quintessencia e Tetralogia siamo già stati a Torino con un’ottima critica, anche se a volte a Buenoss Airess mi dicono che è oltre il tango, anche perché io non sono il classico milonguero che va a ballare fino a tarda ora stando con amici. A questo punto ho preso una parte di uno e dell’altro spettacolo dove si esalta di più il tango ma anche la contemporaneità ed ho così creato “Colleccion Tango” anche se il progetto più importante è quello di Aprile a La Usina del  Arte che si intitolerà “Santa Buenos Aires” , una ricerca sui personaggi, che per me sono dei Santi, che hanno fatto vivere e diventar importante il tango, uno spettacolo molto teatrale con una enorme selezione di musiche del 30 e del 40.

 Speriamo di poterti vedere non solo a Torino ma magari anche a Roma

Per me è sempre un privilegio poter venire in Italia per l’enorme passione ed amore che c’è per il tango. Ogni anno per tre mesi all’anno sto in Italia dove sto veramente bene, per me è come una seconda casa, capisco anche perfettamente la lingua senza bisogno di impararla.

Con Tetralogia, quattro opere brevi molto diverse tra loro, ha vinto il premio “Teatro del Mundo” 2011, importante riconoscimento attribuitogli dall’ UBA (Università de Buenos Aires) per le coreografie e la regia.

Assemblea e Festa delle Affiliate di Faitango sabato 10 Maggio – Organizza Circolo Gardel, Modena

faitango-assemblea (1767 x 2184)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 42 follower