Il prestanome tanguero

il prestanome tanguero

La guerra dei Maestri /2

“Il tango e il mare” un romanzo di Monica Maria Fumagalli,

il tango e il mare - fumagalli monicaTaverne del porto di Buenos Aires, dove si incontrano “Bionde fanciulle dagli occhi di steppa, lupi norvegesi dalla pelle blu, mozzi neri della Giamaica e uomini di rame di Singapore” e dove un tango cantato da una ragazzina scuote l’anima di questi lupi di mare. Di questo e di tante storie ci racconta il nuovo libro di Monica Maria Fumagalli, danzatrice professionista, insegnante e ricercatrice da molti anni.
Un accostamento solo apparentemente ardito quello che l’autrice, propone ne “il Tango e il Mare”, libro dedicato a tutti quelli coloro che, provenienti da uno o entrambi i mondi, desiderano vedere le proprie passioni con occhi nuovi.
L’idea, come scrive l’autrice, nasce da un incontro casuale con la sensibilità di un uomo di mare che sentiva, nel tango al quale si era appena accostato, una affinità inaspettata e dal ricordo del nonno Dante, “marinaio perfetto”, dalla pipa in bocca e le braccia tatuate. Un viaggio attraverso le storie degli immigrati che, solcando il mare, verso la metà del 1800, lasciavano la patria e approdavano nella città di Buenos Aires, stabilendosi nei pressi del porto. Una città fondata in un legame indissolubile proprio tra il suo porto e le storie degli uomini che la abitano, raccontate dal Tango (non a caso, gli abitanti di Buenos Aires sono tutt’ora “Porteños”, abitanti del porto). Uomini partiti non per scelta, ma per sfuggire alla miseria, che manterranno viva la nostalgia per la terra natia e stretto il rapporto proprio con quel mare che da essa li separa.
Attraverso una ricerca su testi, iconografia e storie dei protagonisti, Monica Maria Fumagalli ci racconta di come questo rapporto così intenso sia presente nel Tango. Un racconto per il quale è stata scelta una forma agile ma ricca di spunti, note a margine, disegni (opera di Emanuela Bussolati, responsabile anche del progetto editoriale) e documenti che lo rendono fruibile per tutti senza però mai perderne l’autorevolezza testimoniata dall’apparato bibliografico e discografico che rivelano la natura di ricercatrice dell’autrice. Ecco che allora leggeremo di un porto che, da ospite di contrabbandieri e pirati diventa, agli albori del diciottesimo secolo, il centro della città e uno dei più importanti di tutta l’America Latina. Oppure della strana storia di Mariano Moreno, segretario del primo governo indipendente coloniale, che morirà in circostanze misteriose pochi giorni dopo il suo imbarco e sarà inghiottito dell’oceano avvolto nella bandiera inglese. Leggeremo storie raccontate dal tango di uomini che all’immensità dell’acqua consegneranno dolore, disperazione e domande che non avranno mai risposta. Un libro dedicato non solo ai ballerini di Tango o agli appassionati di mare ma a tutti quelli che amano il racconto di storie appassionanti. Il volume è il primo della collana “Un paso más”, che raccoglierà le conferenze tenute dall’autrice in diversi paesi del mondo e la documentazione scovata nei suoi viaggi
Francesco Patierno

“Il Tango e il mare” di Monica Maria Fumagalli, Abrazos editore, illustrazioni e progetto editoriale di Emanuela Bussolati

“Lola Suárez” un romanzo di Simona Bertocchi

Lola Suarez 2Lola Suárez è un libro scritto da Simona Bertocchi, edito dalla Giovane Holden Edizioni e giunto alla seconda edizione.

E’ stato presentato in quasi tutta Italia. Con Lola Suárez Simona Bertocchi è stata invitata al festival della letteratura femminile di Narni in Umbria e alla rassegna “Donne con la penna” a Ostia. Vi sono state anche le milonghe a fare da teatro per le presentazioni del libro come la Milonga del Cafè Liberty a Viareggio.

La trama si svolge tra l’Argentina degli anni 70 sotto la feroce dittatura di Videla e la Barcellona di oggi.

Protagonista è la pittrice Lola Suarez, donna eccentrica e passionale, che una volta a Barcellona troverà nel controverso mondo dell’arte la forza di continuare a vivere e lottare.

La sua vita gira intorno alla ricerca disperata del fratello desaparecido, ricerca che porterà alla luce ciò che Esercito e Clero hanno abilmente celato.

Si sviluppa quindi un intrigo internazionale, un giallo che vedrà protagonisti personaggi incredibili da amare e da odiare.

E’ un libro di addii e ritorni, di vita e di morte, di amori tormentati ed eterni, è un libro che è un tango, con le sue attese melodiose soprese improvvisamente da un ritmo forsennato.

Il tango è l’eco che percorre tutto il libro, è il ritmo della vita dei personaggi, è la linfa. E i racconti di tango e di tangueri spesso appaiono tra le pagine del libro.

“Lola ha il tango dentro. Ti accorgi subito quando il tango è ballato da un argentino: non è più solo una danza passionale, è un modo di camminare, di sentire la vita, di cercare di possedere ciò che si è perduto. Il tango è quella malinconia continua che ci si porta dentro e si unisce agli altri sentimenti senza mai soffocarli.” ( pag 133)

L’autrice:

Simona Bertocchi è nata a Torino, toscana di adozione, vive a Montignoso, provincia di Massa Carrara. Per necessità lavora nel settore del turismo, ma l’altro mestiere, quello vero, è scrivere, attività che avverte quasi come un bisogno primario. Al momento ha 5 libri editi, alcuni dei quali giunti alla seconda edizione . Si occupa anche di volontariato essendo segretaria di uno sportello d’ascolto anti violenza. E’ appassionata di viaggi,di tango, adoro il buon vino e il buon cibo ma divoro soprattutto libri e film in bianco e nero.
Attualmente è impegnata nella stesura del suo prossimo libro , si tratterà di un romanzo storico e prevede un’attenta ricerca di archivi e documentazione sul periodo del Rinascimento.

Pubblicazioni:

“La fuga”, 2006, Editore Medimond Srl
“I colori di Venere”, 2008, Gruppo Albatros Il Filo
“Anima nuda”, 2009, Giovane Holden Edizioni
“Lola Suárez” 2011 Giovane Holden Edizioni
“Lola Suárez” seconda edizione 2013 Giovane Holden Edizioni
“Viaggio scalza”, 2013, Giovane Holden Edizioni

Buenos Aires Tango 2014 – Roma 1-5 ottobre

Ai soci Acsi-Faitango, presentando la tessera, verrà applicato un sconto del 20% sul prezzo del biglietto.

Qui trovate l’intervista a Leonardo Cuello pubblicata recentemente su  www.tangoygotan.net

Buenos Aires Tango Festival 2014  - 1265X1804 (632 x 902)

1 – 5 OTTOBRE 2014    Roma, Capital Mundial de Tango

Con la Compagnia di Leonardo Cuello, Dolores Solá e DJ Negro Juan

 AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

Torna all’Auditorium Parco della Musica di Roma Buenos Aires Tango, quinta edizione di una delle più grandi rassegne internazionali di musica, canto e danza dedicata allo straordinaria miscela di tradizioni, arte e sensualità chiamata tango.

 Buenos Aires Tango è prodotto dalla Fondazione Musica per Roma con il sostegno di Ministerio de Cultura, Sadaic, in collaborazione con IICES, Instituto de Intercambio Cultural Ensamble al Sur. Curatore Artistico Carlos Villalba, produzione esecutiva Aldo Miguel Grompone.

Dal primo al 5 ottobre 2014 all’Auditorium Parco della Musica si potrà esplorare un mondo tradizionale e, al tempo stesso moderno: la musica, il ballo e la poesia del tango, linguaggio di immigrati che cercavano una cultura in cui riconoscersi.

Questa quinta edizione sarà caratterizzata dalla presenza di artisti innovatori, capaci di ricreare la tradizione del tango e di promuoverne il costante rinnovamento, come la Compagnia di Leonardo Cuello, un gruppo di ballerini indipendente che indaga le infinite maniere di portare in scena il tango. Sotto i titoli di Collección Tango ( 1 e 2 ottobre, Sala Petrassi) e Infinito Tango ( Prima assoluta, 4 e 5 ottobre, Sala Petrassi) sono riunite varie opere brevi appartenenti al repertorio della compagnia che da anni sonda con grande creatività le possibilità espressive della musica nata sul Río de la Plata. La Compagnia di Leonardo Cuello si propone di arricchire la tradizione dando nuova forma al tango di questo millennio.

 In cartellone anche lo stile interpretativo unico di Dolores Solá, una tra le artiste più interessanti della scena argentina, la cui voce ci trascinerà nei cabaret, nei bar e negli angoli più reconditi di Buenos Aires sorprendendoci con un repertorio composto da brani straordinari ma poco noti dei grandi poeti del tango criollo: Gardel, Corsini e Magaldi. (3 ottobre, Sala Petrassi)

In questa festa del tango non poteva certo mancare una vera milonga porteña – animata, anche quest’anno, dal DJ Negro Juan. (dall’1 al 5 ottobre, cavea ore 22.30)

Info 06-80241281 – http://www.auditorium.com          Ufficio stampa Musica per Roma tel. 06-80241574-228-583-231         ufficiostampa@musicaperroma.it


CALENDARIO   BUENOS AIRES TANGO 2014

 Mercoledì 1 ottobre

 MUSICA E DANZA

Sala Petrassi ore 21

Colección Tango

Coreografia di Leonardo Cuello

musiche di Osvaldo Pugliese, Carlos Di Sarli, Miguel Caló, Francisco Canaro, Astor Piazzolla

biglietto 30 euro

 Cavea dalle ore 22.30

Milonga DJ: Negro Juan

Esibizione dei ballerini Lucia Canale y Sebastian Fernández e Nuria Lazo y Federico Ibáñez

Ingresso libero


Giovedì 2 ottobre

 MUSICA E DANZA

Sala Petrassi ore 21

Colección Tango

Coreografia di Leonardo Cuello

musiche di Osvaldo Pugliese, Carlos Di Sarli, Miguel Caló, Francisco Canaro, Astor Piazzolla

biglietto 30 euro

 Cavea dalle ore 22.30

Milonga

DJ: Negro Juan

Esibizione dei ballerini Walter Suquia y Ayelen Sánchez e Andrea Kuna y Juan Del Greco

Ingresso libero

 
Venerdì 3 ottobre

MUSICA E DANZA

Sala Petrassi ore 21

Dolores Solá, voce

chitarra e direzione, Diego Rolón        piano e acordeón, Pablo Fraguela     guitarrón, Leandro Rouco

mandolino, contrabasso e percussioni, Acho Estol

biglietto 30 euro

 Cavea dalle ore 22.30

Milonga DJ: Negro Juan

Esibizione dei ballerini Andrea Kuna y Juan Del Greco e Paula Ayelen Álvarez Miño y Gonzalo Romero

Ingresso libero


Sabato 4 ottobre

 MUSICA E DANZA

Sala Petrassi ore 21

Infinito Tango – PRIMA ASSOLUTA

coreografia Leonardo Cuello

musiche di Lautaro Greco, Osvaldo Pugliese, SebastiánVerea, Gustavo Fedel, Juan D’Arienzo

biglietto 30 euro

 Cavea dalle ore 22.30

Milonga DJ: Negro Juan

Esibizione dei ballerini Paula Ayelen Álvarez Miño y Gonzalo Romero e Luciana Canale y Sebastian Fernández

Ingresso libero


Domenica 5 ottobre

MUSICA E DANZA

Sala Petrassi ore 21

Infinito Tango

coreografia Leonardo Cuello

biglietto 30 euro

 Cavea dalle ore 22.30

Milonga DJ: Negro Juan

Esibizione dei ballerini Ayelen Sánchez y Walter Suquia e Nuria Lazo y Federico Ibáñez

Ingresso libero

Liriche di Nicola Romano

Nicola Romano, ci ha inviato alcune delle liriche comprese nella silloge la cui pubblicazione avverrà ufficialmente a metà settembre con la casa editrice il torchio di Padova.
Titolo delle silloge è: “Gocce nell’oceano…..Anime” di Nicola Romano, opera comprendente 157 liriche poetiche, nonché citazioni e aforismi di poeti e scrittori scomparsi dal 700 al 900, e citazioni di sua creazione associate ad ogni lirica pubblicata. Sarà acquistabile da settembre anche online sul sito http://editriceiltorchio.com

 

 

Una Mirada…….
Ultimo Tango

Elegante come un Cigno,
come attimo fuggente,

si spoglia in quell’istante è un sapore che non ha età.

L’attesa toglie il fiato,

ad un gesto che ha dimora, in un corpo trasverso, sensuale,

essenza dell’arcano.

Vorace inquietudine di un essere senza vita,

respira con l’ascolto, una traccia e un bandoneon.

Ti dipingo a luci spente, ho paura del giorno,

la luce mi abbaglia, in questo fiume inquietante…..milonga.

Il tempo si ferma, ocho adelante verso il niente,

Passione, Mirada, il mio traspiè .

Lascio qui ogni speranza, il mio ricordo, la mia voce,

il tuo corpo vibra in silenzio,

il mio sguardo………annuncia triste

Quest’ultimo Tango.

Un Tango nel buio
…..L’Esclusa

 E inginocchiarsi lì d’inverno,

alla foce del silenzio,

nella nebbia e la foschia, in quell’eclissi Io mi arrendo,

sono reo confesso di una tossica Passione.

In un profondissimo letargo,

tacere è la mia colpa, altro non voglio.

Perder me stesso nel dialogo che neghi,

e restituir la mia anima al grembo secco

della solitudine,

perché tu veda, Folle vecchio rugoso Destino,

Suona e vibra un bandoneon,

le mie unghie sono aghi nella carne per lasciarti libera,

indiscreta, per amarti esclusa,

ma saperti dentro fino a viverti.

Incontrarsi lì, nella piega dei gomiti,

e la paura interrotta di un abbraccio negato,

Se tu lo capissi.



Autore: Nicola Romano
Cell. 339/1831176 E-mail:niromano@tiscali.it

Tour della Grande Bellezza/Lonato del Garda

Grand Tour Faitango Lonato

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 50 follower